Via libera alla pdl sull’equo compenso dalla Commissione Giustizia della Camera

da | 20 Gen 2023 | In evidenza, Primo piano

La Commissione Giustizia della Camera ha acceso il semaforo verde sulla proposta di legge del centrodestra relativa all’equo compenso per le prestazioni dei liberi professionisti.

Via libera alla proposta di legge sull’equo compenso

Adesso, il provvedimento, voluto dal presidente del Consiglio Giorgia Meloni (firmataria del testo-base, insieme al deputato leghista Jacopo Morrone) si avvia verso l’esame dell’Aula di Montecitorio, dove sbarcherà lunedì 23 gennaio per la discussione generale, propedeutica al voto.

È quanto avvenuto oggi pomeriggio, nella II Commissione, come riferito da una delle relatrici, la parlamentare di FdI Carolina Varchi: ottenuto il voto unanime sul mandato alle relatrici (l’altra è la collega della Lega Ingrid Bisa) si va verso il via libera, ha detto, ad «un provvedimento che aveva subito uno «stop» durante la scorsa Legislatura, mentre era in discussione al Senato.

Pubblicità

Ora abbiamo l’occasione di tutelare i professionisti e regolamentare la delicata materia delle remunerazioni delle prestazioni professionali. Per questo ringrazio tutte le forze politiche per la sensibilità mostrata nel rispettare i tempi imposti dall’Assemblea consentendo che il provvedimento viaggi speditamente», ha proseguito l’esponente di destra.

Per Varchi, «poter concludere l’iter di questo articolato – aggiunge – rappresenta una grande vittoria, per noi ma soprattutto per tutti quei professionisti che potranno tutelarsi in maniera più chiara e netta».

Cosa prevede il provvedimento

In attesa dell’arrivo dell’iniziativa del centrodestra in Assemblea, va ricordato cosa prevede: il provvedimento sulla giusta remunerazione dei professionisti iscritti ad Ordini e Collegi dispone, infatti, che un equo compenso debba esser corrisposto per le prestazioni svolte nei confronti delle imprese con almeno 50 dipendenti e con almeno 10 milioni di fatturato annuo; è stabilita, poi, la nullità delle clausole che prevedono una remunerazione per il lavoratore autonomo inferiore ai parametri, rimettendo al giudice il compito di rideterminare il compenso iniquo e, eventualmente, di condannare il cliente al pagamento di un indennizzo in favore del professionista.

Un elemento criticato da una «fetta» dei sindacati delle diverse categorie professionali, a seguire, è quello che impone a Ordini e Collegi di adottare provvedimenti deontologici, volti a sanzionare il professionista che violi le disposizioni sull’equo compenso.

La maggioranza di centrodestra, ottenuta la calendarizzazione per la discussione generale del provvedimento, aveva nei giorni scorsi avviato un intenso «pressing» per far sì che ci si potesse avvalere di una sorta di «corsia veloce»: il Regolamento della Camera, infatti, consente di avvalersi di una sorta di strada più celere per le iniziative normative, in caso ci si trovi dinanzi a proposte di legge identiche a quelle approvate dallo stesso ramo parlamentare nella passata Legislatura, ma non licenziati in via definitiva dal Senato.

E, dunque, l’equo compenso verrà esaminato dai deputati, in Aula, la prossima settimana.

Leggi il precedente articolo sull’ equo compenso

Il codice degli appalti al tavolo europeo

Il codice degli appalti al tavolo europeo

Entrata in vigore entro il 31 marzo, ma ancora non c’è la data esatta L’entrata in vigore del codice degli appalti arriverà entro il 31 marzo. La data esatta, però, sarà definita al termine dell’interlocuzione in corso con l’Europa. Sono le parole di Matteo Salvini,...

Il Milleproroghe arriva al Senato

Il Milleproroghe arriva al Senato

Rinvio dei termini in tema di lavoro, istruzione, imposte e pubblica amministrazione In prossimità della notte di San Silvestro arriva la consueta serie di rinvii di termini legislativi. Come ogni anno, infatti, è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto...

«Restyling» al Superbonus 110% e misure sull’energia

«Restyling» al Superbonus 110% e misure sull’energia

Decreto Aiuti quater in Commissione alla Camera Scatterà domani, 4 gennaio, con la scadenza del termine per il deposito degli emendamenti, la «corsa», in Commissione Bilancio alla Camera, del Decreto Aiuti quater, uno degli ultimi testi governativi nei quali (oltre a...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Robot e automazione volano in Italia

Il settore è cresciuto del 14,6% lo scorso anno, con prospettive più che positive anche per il 2023 Vola l’industria italiana di macchine utensili, robot e automazione. Dopo un 2021 già positivo, nel 2022 si sono registrati incrementi in doppia cifra, con prospettive...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest