Università di Terni e ordine dei Periti Industriali: rinnovata la convenzione quadro per il corso di laurea in ingegneria industriale

da | 21 Lug 2021 | Voci dal territorio

Iscrizione nel registro dei praticanti già durante l’ultimo anno di corso di laurea e riconoscimento di 30 crediti formativi universitari per lo svolgimento dei sei mesi di tirocinio obbligatorio per iscriversi all’albo dei periti industriali.

Con questi due principi l’università di Terni rinnova la convenzione siglata con l’Ordine dei periti industriali relativa al primo corso di laurea triennale strutturato in attuazione della convenzione quadro Miur-Mingiustizia-Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati che ha fissato le regole per lo svolgimento del tirocinio professionale (sei mesi) durante l’ultimo anno del corso di laurea triennale.

Il corso di laurea in ingegneria industriale che ha visto già i primi laureati prevede, per gli studenti che hanno sostenuto e superato gli esami del 1 e 2 anno, la possibilità di chiedere l’ammissione al semestre di tirocinio e, contestualmente, l’iscrizione nel registro dei praticanti. Quindi subito dopo il conseguimento della laurea, la possibilità di sostenere l’esame di Stato per l’esercizio della professione e quindi l’iscrizione all’albo professionale dei periti industriali.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Secondo quanto prevede la convenzione nazionale per lo svolgimento del tirocinio sono riconosciuti fino a 30 crediti formativi universitari in conformità con il piano di studio.

Il corso di laurea, aperto a tutti i diplomati della scuola secondaria superiore, è stato il primo a livello nazionale di questo tipo.

La transizione energetica passa dall’Africa

Italia presente alla 9^ Conferenza globale dell’Agenzia internazionale dell’energia Africa come priorità strategica di partnership globale per la transizione energetica. Il Piano Mattei come punto di riferimento, con le azioni congiunte che spaziano da vari settori...

Fondo IPCEI: integrazione di 1 miliardo e 500 mila euro

Integrazione risorse del Fondo IPCEI Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, per sostenere e promuovere la realizzazione di importanti progetti di comune interesse europeo (IPCEI) nelle catene del valore strategiche per l’industria europea, ha disposto,...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest