Un Pnrr della sicurezza del lavoro entro la fine dell’estate

da | 13 Apr 2022 | Tutela e sicurezza

Prevenire gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali nell’ambito della realizzazione delle opere previste dal Piano nazionale di ripresa e resilienza

Questo l’obiettivo principale dell’accordo siglato tra l’Inail e Ferrovie dello stato lo scorso 7 aprile a Roma. L’intesa sarà replicata con altre importanti realtà produttive italiane impegnate nella realizzazione delle opere previste dal Piano finanziato con fondi europei. Il tutto per arrivare a un “Pnrr sulla sicurezza del lavoro” entro la fine dell’estate.

Il protocollo avrà durata quinquennale, in coerenza appunto con la scadenza del Pnrr nel 2026, e prevede “l’esecuzione di attività congiunte volte alla diffusione della cultura della prevenzione e al miglioramento della gestione di salute e sicurezza, anche attraverso il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei soggetti istituzionali competenti”, come si legge sul sito dell’Inail.

“Gli ambiti della collaborazione”, ha spiegato il direttore generale dell’Istituto Andrea Tardiola, “riguardano tre grandi temi: la formazione, per sopperire alla mancanza di manodopera qualificata, i modelli gestionali della sicurezza, che devono diventare sempre più sofisticati, e la ricerca”. Le attività previste dal protocollo comprendono, infatti, iniziative di comunicazione e promozione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e della sostenibilità sociale, la progettazione di programmi di formazione rivolti a tutti i ruoli aziendali e al personale coinvolto nella realizzazione delle grandi opere infrastrutturali, e la sperimentazione di soluzioni tecnologiche innovative. Tra queste ultime, fanno sapere ancora dall’Istituto, potranno avere un ruolo centrale i progetti di ricerca nel campo della robotica, della realtà aumentata attraverso la visione immersiva, della sensoristica per il monitoraggio degli ambienti di lavoro, dello studio di materiali innovativi per l’abbigliamento lavorativo e dei dispositivi per la prevenzione di infortuni e malattie professionali, come ad esempio gli esoscheletri collaborativi. Sono previsti, inoltre, la progettazione di modelli di organizzazione e gestione dei rischi per la prevenzione degli infortuni e la promozione del benessere organizzativo, l’analisi dei flussi informativi in materia di infortuni sul lavoro e malattie professionali nei comparti di interesse aziendali e nella realizzazione di grandi opere e lo studio dei fattori di rischio per prevenire le patologie lavoro-correlate.

Pubblicità

L’accordo, come accennato, sarà un modello che l’Inail presenterà nelle prossime settimane ad altri settori (i porti, gli investimenti sulla rete stradale, i lavori pubblici per la rigenerazione e trasformazione urbana, solo per citare quelli riportati nella nota dell’Istituto), con l’obiettivo di arrivare entro l’estate a un “Pnrr della sicurezza del lavoro”.

Inail: più infortuni ma meno morti sul lavoro

Inail: più infortuni ma meno morti sul lavoro

I dati Inail sui primi dieci mesi del 2022. Ancora presente l’effetto Covid In crescita, anche in maniera consistente (+ 32,9%) gli infortuni sul lavoro ma calano (- 10,6%) quelli che hanno portato al decesso. Questo il titolo principale del report pubblicato...

Inail e Artes: nuovo bando BIT

Inail e Artes: nuovo bando BIT

Bando BIT: arrivano 2 milioni di euro per progetti di ricerca in salute e sicurezza sul lavoro L’INAIL e il centro ARTES 4.0 hanno lanciato un nuovo bando, rivolto a start-up, microimprese, PMI e grandi imprese, con 2 milioni di euro sul piatto per la realizzazione di...

Calderone: giovedì 2 febbraio il tavolo sul lavoro autonomo

Il ministro Calderone (ri)ascolterà i professionisti. I «ritocchi» possibili alla proposta di legge sull’equo compenso per le prestazioni professionali (che ha staccato il traguardo dell’Aula della Camera il 25 gennaio scorso ed è adesso passata al vaglio del Senato),...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest