Un nuovo regolamento per le comunicazioni elettroniche

da | 14 Ott 2021 | Impiantistica elettrica e automazione

Aggiornamento e armonizzazione delle norme in materia, adeguate alle nuove realtà e poste su un piano europeo

Un nuovo codice delle comunicazioni elettroniche, con la modifica di 98 articoli del vecchio testo (dlgs 259/2003) resa necessaria a causa dell’elevato cambiamento tecnologico avvenuto negli ultimi due decenni. La Camera dei deputati sta discutendo in questi giorni il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2018/1972/Eu sul Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, in attuazione della delega contenuta nell’articolo 4 della legge di delegazione europea 2019-2020 (atto Camera n. 53 del 2021). Si tratta di un aggiornamento e di una armonizzazione delle norme in materia, adeguate alle nuove realtà dei giorni nostri.

Come si può leggere dal dossier elaborato dalla Camera, l’assunzione da cui partono le autorità europee e il legislatore nazionale è che l’ambito delle possibilità tecniche delle comunicazioni elettroniche si è sviluppato e ingrandito, collocandosi su un orizzonte globale. “In tal modo, per un verso, si offrono maggiori opportunità di esercizio di diritti (anche economici) e veicolazione di contenuti, anche in forme innovative ed inedite. Per l’altro, tuttavia, si rendono opportuni incentivi per gli investimenti economici e necessaria una regolazione armonizzata e coordinata a livello (quantomeno) europeo, il più possibile semplificata e proporzionata, a garanzia della concorrenza e dell’accesso ma anche della sicurezza e della protezione dei dati”, si legge ancora nel dossier.

Il decreto è molto corposo e va a toccare vari aspetti della nuova metodologia di comunicazione

L’articolo 3, in particolare, elenca i principi generici che guidano il testo: la libertà di comunicazione e la segretezza delle comunicazioni, anche attraverso il mantenimento dell’integrità e della sicurezza delle reti di comunicazione elettronica e l’adozione di libertà di iniziativa economica e il suo esercizio in regime di concorrenza, “garantendo un accesso al mercato delle reti e servizi di comunicazione elettronica secondo criteri di obiettività, trasparenza, non discriminazione e proporzionalità”. D’altronde, il testo ribadisce che “la fornitura di reti e di servizi di comunicazione elettronica è attività di preminente interesse generale”.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Tra gli obiettivi del nuovo codice, quello di promuovere la connettività e l’accesso alle reti ad altissima capacità, comprese le reti fisse, mobili, senza fili e il loro utilizzo da parte di tutti i cittadini e le imprese. Ci si pone come finalità ulteriore quella di promuovere gli interessi dei cittadini, garantendo la connettività e l’ampia disponibilità e utilizzo delle reti ad altissima capacità, comprese le reti fisse, mobili e senza fili, e dei servizi di comunicazione elettronica, garantendo i massimi vantaggi in termini di scelta, prezzo e qualità sulla base di una concorrenza efficace, preservando la sicurezza delle reti e dei servizi, garantendo un livello di protezione degli utenti finali elevato e uniforme tramite la necessaria normativa settoriale e rispondendo alle esigenze, ad esempio in termini di prezzi accessibili, di gruppi sociali specifici, in particolare utenti finali con disabilità, utenti finali anziani o utenti finali con esigenze sociali particolari, nonché la scelta e l’accesso equivalente degli utenti finali con disabilità. Tutto questo da realizzare promuovendo la concorrenza nella fornitura di reti e risorse correlate nonché contribuendo allo sviluppo del mercato interno, “rimuovendo gli ostacoli residui e promuovendo condizioni convergenti per gli investimenti”.

Sulla bozza del decreto legislativo, la scorsa settimana si è svolto un ciclo di audizioni, in cui sono intervenuti associazioni e realtà operanti nel settore. Il testo è stato annunciato a Montecitorio lo scorso 9 agosto.

Pronto a ripartire il bonus colonnine elettriche

Pronto a ripartire il bonus colonnine elettriche

Dall’8 luglio le domande per il contributo a favore di privati e condomìni per le colonnine elettriche La quarta tranche del bonus colonnine elettriche scalda i motori. A partire dalle 12 dell’8 luglio, infatti, sarà possibile inviare le domande per la nuova edizione...

Transizione 4.0: ecco come richiedere i crediti di imposta

Transizione 4.0: ecco come richiedere i crediti di imposta

E’ ufficialmente partita la procedura per richiedere i crediti di imposta della ‘Transizione 4.0”. Infatti, è possibile compilare i modelli di comunicazione per richiedere i crediti d'imposta relativi agli investimenti del piano Transizione 4.0, come indicato nel...

Pubblicità
  • Box Area Tematica Blumatica
  • Obo Bettermann
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM
  • box inim

Sfoglia la rivista Opificium! E’ online il n°3-2024 (maggio-giugno)

E’ online il n. 3-2024 di Opificium Sfoglialo ora! E’ online il numero 3-2024 (maggio – giugno) della rivista Opificium – Osservatorio dei Periti Industriali su formazione, industria, cultura d’impresa, università e management / La Rivista del Perito Industriale....

Filiera formativa tecnologico-professionale, 4+2 in arrivo

Iniziata la discussione alla Camera sulla riforma Valditara, che cambia il mondo degli Its Corre spedita la riforma Valditara per l’istituzione della filiera formativa tecnologico-professionale, che porterà al nuovo modello 4+2. Lo scorso 3 luglio, infatti, la...

Fondazione Super, ampia adesione per l’ingresso di Stefano Cervi

Si rafforza la collaborazione tra il Cnpi e la Scuola universitaria per le professioni tecniche dell’Emilia Romagna (SUPER) con l’elezione del consigliere nazionale del CNPI Stefano Cervi nel Consiglio di indirizzo della Fondazione. Stefano Cervi, perito industriale...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest