Tribunale dei brevetti, Milano rientra in pista e tenta la sua corsa

da | 8 Feb 2023 | Design

“Il ministero sta collaborando con Fiera Milano per realizzare una grande Fiera dei brevetti e la sede ideale potrebbe proprio essere il distretto Mind”. Parola del ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara.

Il numero uno del dicastero di Viale Trastevere infatti visitando alcuni istituti superiori in Lombardia è tornato a parlare della terza sede centrale del Tribunale unificato dei brevetti, l’organismo che dovrà vigliare e quindi dirimere le possibili controversie sulla materia.

Dal prossimo 1 giugno, infatti, entrerà in funzione il sistema brevettuale che promette di proteggere i diritti di proprietà intellettuale con un sistema più semplice e anche più conveniente, grazie all’introduzione di uno sportello unico per la registrazione dei brevetti in Europa e all’istituzione di un sistema unificato di risoluzione delle controversie.

Per ora il Tribunale avrà due sedi centrali, Parigi e Monaco, e una terza (Lussemburgo) per la Corte d’appello. L’accordo prevedeva però una terza sede centrale a Londra, prospettiva tramontata a causa della Brexit che ha aperto di nuovo la strada alla candidatura italiana di Milano.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

La vicenda continua ad essere in prima linea anche nelle aule parlamentari.

Ieri in un’ interrogazione rivolta al ministro degli Esteri, Antonio Tajani, i parlamentari dem eletti a Milano (Lia Quartapelle, Matteo Mauri, Silvia Roggiani, Vinicio Peluffo, Gianni Cuperlo, Bruno Tabacci e Antonio Misiani, il deputato di +Europa, Benedetto Della Vedova e la senatrice di Azione, Giulia Pastorella) hanno chiesto a che punto fosse la trattativa con gli altri Stati europei per la scelta di Milano quale terza sede del Tribunale per il brevetto unitario e quali azioni il governo stesse attivando per garantire che all’Italia fosse “assegnata l’intera quota di competenze originariamente prevista per la sede di Londra”. La preoccupazione dei parlamentari firmatari – spiega una nota – “è che le difficoltà nelle relazioni diplomatiche fra il governo di Giorgia Meloni e la Francia possano danneggiare la candidatura di Milano. Questo rischio – spiegano – toglierebbe un’opportunità importante all’Italia, uno dei Paesi membri dell’Ue con il maggior numero di brevetti registrati. Anche molte associazioni del settore industriale – aggiungono – hanno sottolineato l’importanza che l’Italia ospiti una sede del Tub che permetterebbe al nostro comparto di competere al meglio”.

Sulla vicenda pesano comunque le affermazioni di Valditara secondo il quale “portare a Milano la terza sede del Tribunale unificato dei brevetti sarebbe una vittoria non solo per il made in Italy ma anche per la valorizzazione delle bellissime realtà nel campo della ricerca dei nostri Its”.

 

Le nuove professioni del design

Le nuove professioni del design

Venti figure principali, al centro interdisciplinarità e trasversalità Sono venti le principali nuove figure professionali nel campo del design. Un comparto che ha sempre più a che fare con l’Intelligenza artificiale, con la soluzione più adottata che è il digital...

Ultimi giorni per il Seoul design award

Ultimi giorni per il Seoul design award

Le domande potranno essere inviate entro il prossimo 28 maggio Il Seoul design award scalda i motori. La manifestazione internazionale nata del 2018 si appresta a vivere la sua edizione 2024, con la premiazione che è attesa per ottobre. Dall’inizio di maggio sono...

L’eterno successo del Salone del Mobile

L’eterno successo del Salone del Mobile

Numeri da record per la manifestazione, sempre più punto di riferimento del design mondiale Il Salone del Mobile si conferma. Anzi, continua a crescere. Numeri da record per la manifestazione milanese, che si è chiusa lo scorso 21 aprile. Oltre 1.950 gli espositori...

CER: in 500 al corso di Formazione Federesco-Gse-Cnpi

CER: il corso su “La nuova disciplina delle comunità energetiche rinnovabili e dell'autoconsumo diffuso" Oltre 500 utenti collegati, tra professionisti del settore e portatori di interesse, con l’obiettivo di approfondire un percorso formativo incentrato sulle CER, le...

Unem: nel 2030 – 3,8 miliardi di accise con le auto elettriche

I numeri dell’Unem. Tra le ipotesi del governo nuove imposizioni sull’elettrico per il calo delle accise Se al 2030 ci saranno 4 milioni di auto elettriche in circolazione, verranno a mancare 3,8 miliardi di accise, visto il calo di almeno un milione di tonnellate di...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest