Tavolo sul lavoro autonomo, ripartito il dialogo con Calderone sul futuro delle professioni

da | 18 Dic 2023 | In evidenza, Primo piano, Professioni a confronto

Lavoro autonomo: il focus sul futuro delle professioni nella riunione tra il ministero del Lavoro e gli Ordini professionali

Riflettori puntati, al ministero del Lavoro e delle politiche sociali, sul «futuro di 2,3 milioni di professionisti ordinistici, delle loro famiglie e dei loro collaboratori»: è quanto avvenuto oggi nel corso della riunione voluta dalla titolare del dicastero Marina Calderone con i vertici dei Consigli nazionali delle varie categorie, fra cui quello dei periti industriali Giovanni Esposito, insieme alla guida dell’associazione di rappresentanza del comparto (ProfessionItaliane) Armando Zambrano. All’incontro, a cui hanno preso parte anche esponenti dei ministeri delle Imprese e del made in Italy, della Giustizia, della Salute e dell’Agenzia delle Dogane, si è parlato di diversi argomenti di interesse per il settore, a partire dalla disciplina sull’equo compenso per le prestazioni dei lavoratori indipendenti (un provvedimento entrato nel nostro ordinamento dal mese di maggio, che le categorie vorrebbero ampliare, rispetto al perimetro attuale, ossia al di là delle imprese con oltre 50 addetti e con 10 milioni di euro di fatturato.

Per il sistema ordinistico, al contempo, importante è riflettere sulle modalità di accesso alla professione: è stata, infatti, proprio Calderone, alcune settimane fa, durante la presentazione del rapporto di Confprofessioni, nella sede del Cnel, a Roma, a soffermarsi sulla questione; dalla lettura del dossier, infatti, è emerso come in Europa un professionista su 2 ha più di 50 anni, perciò, aveva specificato l’esponente governativa, «cambiando la composizione» del comparto, sempre meno giovane, è necessario «ragionare sulle regole da aggiornare» in merito alla formazione e all’accesso al lavoro autonomo, perché nel nostro Paese «si arriva tardi alla professione, perché il percorso di formazione è lungo».

Fra i temi trattati al tavolo, hanno fatto, poi, sapere gli Ordini, anche eventuali correttivi sulla formazione continua e sui consigli di disciplina, nonché sul regime delle Stp (Società tra professionisti), in merito all’utilizzo dei fondi del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) e riguardo al «necessario ammodernamento della riforma delle professioni». Zambrano ha riferito: «Abbiamo concordato una «road map» che percorreremo assieme per rendere gli Ordini professionali ancora più centrali e utili nel sistema-Paese».

Pubblicità
Honeywell CLSS

Alla riunione sono state abbozzate le linee guida del percorso congiunto da sviluppare nei prossimi mesi, che sarà condiviso dal ministero del Lavoro con gli altri dicasteri competenti. Calderone ha commentato: «Abbiamo posto le basi per dare ancora più spinta al sistema ordinistico; mondo da cui arrivo e di cui ben conosco le grandi potenzialità e le profonde competenze che offre al nostro Paese. Ma che ha bisogno di sostegno coeso, contraddistinto da una visione d’insieme, scevra da spinte autoreferenziali. Lavoreremo assieme per dare ancora più valore all’impegno degli Ordini italiani e dei loro iscritti», ha concluso il ministro.

Cambiano le sanzioni fiscali

Cambiano le sanzioni fiscali

Ok in Consiglio dei ministri al nono decreto attuativo della delega che modifica le sanzioni fiscali Sanzioni fiscali ispirate ai principi di proporzionalità e offensività. Riduzione delle sanzioni stesse, con quelle amministrative che passano da un quinto a un terzo....

Partita la corsa al nuovo portale dei Ctu

Partita la corsa al nuovo portale dei Ctu

Conferme entro il 4 marzo, nuove iscrizioni al 30 aprile Professionisti alle prese con il nuovo portale telematico dei Ctu. In questi giorni, infatti, i Consulenti tecnici d’ufficio (o gli aspiranti tali) si stanno confrontando con il nuovo strumento messo a punto dal...

Incontro CNEL-ProfessionItaliane su formazione e lavoro in carcere

Rafforzare la collaborazione tra il mondo delle professioni e il CNEL Si è tenuto lo scorso 28 febbraio, presso la sede del CNEL, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, Renato Brunetta, e ProfessionItaliane, l’Associazione che...

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest