Superbonus per le ONLUS: perimetro allargato ma ‘moltiplicatore di spesa’ solo a determinate condizioni

da | 16 Ago 2022 | Costruzione, ambiente e territorio, Notizie

Gli interventi da eseguire su una struttura da destinare ad attività socio-sanitarie, fra cui sostituzione degli infissi rimozione delle barriere architettoniche, isolamento termico impianti di climatizzazione, con successiva trasformazione della categoria catastale da D/2 a B/1 o B/2, possono prendere il Superbonus 110%.

Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nella risposta 407/2022, dove si ricorda che il comma 9, lettera d-bis), dell’articolo 119 del DL Rilancio prevede l’applicazione del Superbonus alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), alle organizzazioni di volontariato iscritte negli appositi registri e alle associazioni di promozione sociale (APS).

Come chiarito anche dalla circolare n. 30/2020, per questi soggetti:

Pubblicità
  • il bonus spetta indipendentemente dalla categoria catastale e dalla destinazione dell’immobile oggetto degli interventi con l’unica eccezione delle categorie catastali A1 e A8, e della categoria A 9 per le unità immobiliari non aperte al pubblico;
  • non opera la limitazione del comma 10 articolo 119 che limita a 2 unità immobiliari la possibilità di usufruire del Superbonus, perché questo ‘confine’ vale solo per le persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni.

Modalità di calcolo: il moltiplicatore ‘funziona’ solo a certe condizioni

Per quanto concerne, invece, le spese ammesse al beneficio, non si potrà fruire delle modalità di calcolo previste dall’articolo 10-bis del decreto “Rilancio”, secondo il quale “Il limite di spesa ammesso alle detrazioni di cui al presente articolo, previsto per le singole unità immobiliari, è moltiplicato per il rapporto tra la superficie complessiva dell’immobile oggetto degli interventi di efficientamento energetico, di miglioramento o di adeguamento antisismico previsti ai commi 1, 2, 3, 3-bis, 4, 4-bis, 5, 6, 7 e 8, e la superficie media di una unità abitativa immobiliare, come ricavabile dal Rapporto Immobiliare pubblicato dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare…”.

Queste speciali modalità, infatti, come chiarito nella circolare 23/2022, si applicano solamente alle Onlus, Odv o Aps che non percepiscono compensi e se gli edifici B/1, B/2 e D/4 oggetto dei lavori sono posseduti a titolo di proprietà, nuda proprietà, usufrutto o comodato d’uso gratuito prima del 1° giugno 2021 (data di entrata in vigore comma 10-bis).

Questi requisiti vanno riferiti alla situazione esistente prima dei lavori, come specificato nella risposta 4.4.6 della circolare n. 30/2020.

In definitiva, nel caso in esame la modalità di calcolo disciplinata dall’articolo 119 comma 10-bis del DL Rilancio non potrà applicarsi agli interventi effettuati dall’istante, considerato che il cambio di destinazione d’uso della struttura ad attività socio-sanitaria, (da categoria catastale D/2 a categoria B/1 o B/2) avverrà solo alla fine dei lavori.

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest