Superbonus, passa la responsabilità solidale “alleggerita”

da | 14 Set 2022 | In evidenza, Primo piano

Le Commissioni Bilancio e Finanze del Senato, nella serata di martedì 13 settembre, hanno ‘approvato’ gli emendamenti al ddl 2685, di conversione del DL 115/2022 (Aiuti-Bis), licenziando di fatto il testo che – salvo sorprese improbabili – sarà certificato in via definitiva dalla Camera ben prima della sa scadenza (9 ottobre, ma in mezzo ci sono le elezioni).

L’articolo 33-bis inserito nel testo della “legge Aiuti Bis” riguarda un nervo scoperto in materia di Superbonus (ma anche degli altri bonus edilizi, tra i quali il Facciate 60% e il Ristrutturazioni 50%, oltre agli Ecobonus e Sismabonus ordinari), ovverosia la responsabilità solidale tra cedente e cessionario quando si opta per la cessione del credito (o quando si sconta la fattura e poi si cede il credito relativo).

La novità, di fatto, è un ritorno al passato, alla versione primigenia dell’articolo 121 comma 6 del dl 34/2022 (Decreto Rilancio). 

Pubblicità
Honeywell CLSS

Come cambia la regola sulla responsabilità solidale

In virtù dell’emendamento approvato, i vincoli sulle cessioni dei crediti fiscali vengono alleggeriti, in quanto la responsabilità solidale dei cedenti/cessionari si configurerà infatti solo in caso di dolo e colpa grave per i crediti relativi ai lavori successivi all’inserimento dell’asseverazione obbligatoria (cioè al DL Antifrodi, 157/2021).

Entrando nello specifico:

  • viene abolita la responsabilità solidale, in ogni caso, per i cessionari di crediti derivanti dal Superbonus e per i cessionari dei crediti collegati ad altri bonus edilizi se generati dopo l’entrata in vigore del DL Antifrodi, cioè il 21 novembre 2021 (si ripristina il ‘vecchio’ art.121 comma 6 del DL 34/2020);
  • per i crediti precedenti a tale data, la responsabilità solidale è abolita solo in presenza di asseverazione e a condizione che il cedente coincida con il fornitore e sia un soggetto diverso da banche e istituti finanziari. Il cedente, ai fini della limitazione della responsabilità solidale, dovrà acquisire ora per allora la documentazione relativa alla certificazione del credito (articolo 121, comma 1-ter DL Rilancio);
  • resta sempre ferma la responsabilità per dolo o colpa grave.

Riassumendo, la responsabilità per la cessione dei crediti legati al Superbonus e agli altri bonus edilizi scatterà con un “concorso nella violazione” ma solo se quest’ultima viene compiuta “con dolo o colpa grave”.

Come funziona adesso

Il blocco dei crediti è sicuramente anche figlio di quanto argomentato dall’Agenzia delle Entrate nella maxi circolare n.23/2022, dove sono stati elencatati una serie di criteri a cui i soggetti che accettano la cessione, e in particolare le banche, devono attenersi prima di effettuare l’operazione.

Ecco perché, una volta convertito definitivamente in legge il DL Aiuti-Bis, ci si attende un aggiornamento della circolare sopracitata da parte del Fisco, in modo da chiarire tutti i dettagli della nuova normativa.

Abuso d’ufficio «in soffitta»

Abuso d’ufficio «in soffitta»

Stop a intercettazioni non essenziali: è legge il testo di Carlo Nordio Un «restyling» di alcune norme (fra cui quelle che riguardano il reato di traffico di influenze) e l’abolizione dell’articolo 323 del codice di procedura penale che disciplinava l’abuso d’ufficio:...

Tagliare il debito, ma senza lacrime e sangue

Tagliare il debito, ma senza lacrime e sangue

Il ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti sulla prossima manovra all’assemblea Abi La prossima manovra non sarà lacrime e sangue, anche se l’obiettivo primario del governo è quello di uscire dalla spirale del debito monstre. Il taglio del cuneo fiscale è servito...

CER: in 500 al corso di Formazione Federesco-Gse-Cnpi

CER: il corso su “La nuova disciplina delle comunità energetiche rinnovabili e dell'autoconsumo diffuso" Oltre 500 utenti collegati, tra professionisti del settore e portatori di interesse, con l’obiettivo di approfondire un percorso formativo incentrato sulle CER, le...

Unem: nel 2030 – 3,8 miliardi di accise con le auto elettriche

I numeri dell’Unem. Tra le ipotesi del governo nuove imposizioni sull’elettrico per il calo delle accise Se al 2030 ci saranno 4 milioni di auto elettriche in circolazione, verranno a mancare 3,8 miliardi di accise, visto il calo di almeno un milione di tonnellate di...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest