Superbonus, passa la responsabilità solidale “alleggerita”

da | 14 Set 2022 | In evidenza, Primo piano

Le Commissioni Bilancio e Finanze del Senato, nella serata di martedì 13 settembre, hanno ‘approvato’ gli emendamenti al ddl 2685, di conversione del DL 115/2022 (Aiuti-Bis), licenziando di fatto il testo che – salvo sorprese improbabili – sarà certificato in via definitiva dalla Camera ben prima della sa scadenza (9 ottobre, ma in mezzo ci sono le elezioni).

L’articolo 33-bis inserito nel testo della “legge Aiuti Bis” riguarda un nervo scoperto in materia di Superbonus (ma anche degli altri bonus edilizi, tra i quali il Facciate 60% e il Ristrutturazioni 50%, oltre agli Ecobonus e Sismabonus ordinari), ovverosia la responsabilità solidale tra cedente e cessionario quando si opta per la cessione del credito (o quando si sconta la fattura e poi si cede il credito relativo).

La novità, di fatto, è un ritorno al passato, alla versione primigenia dell’articolo 121 comma 6 del dl 34/2022 (Decreto Rilancio). 

Pubblicità

Come cambia la regola sulla responsabilità solidale

In virtù dell’emendamento approvato, i vincoli sulle cessioni dei crediti fiscali vengono alleggeriti, in quanto la responsabilità solidale dei cedenti/cessionari si configurerà infatti solo in caso di dolo e colpa grave per i crediti relativi ai lavori successivi all’inserimento dell’asseverazione obbligatoria (cioè al DL Antifrodi, 157/2021).

Entrando nello specifico:

  • viene abolita la responsabilità solidale, in ogni caso, per i cessionari di crediti derivanti dal Superbonus e per i cessionari dei crediti collegati ad altri bonus edilizi se generati dopo l’entrata in vigore del DL Antifrodi, cioè il 21 novembre 2021 (si ripristina il ‘vecchio’ art.121 comma 6 del DL 34/2020);
  • per i crediti precedenti a tale data, la responsabilità solidale è abolita solo in presenza di asseverazione e a condizione che il cedente coincida con il fornitore e sia un soggetto diverso da banche e istituti finanziari. Il cedente, ai fini della limitazione della responsabilità solidale, dovrà acquisire ora per allora la documentazione relativa alla certificazione del credito (articolo 121, comma 1-ter DL Rilancio);
  • resta sempre ferma la responsabilità per dolo o colpa grave.

Riassumendo, la responsabilità per la cessione dei crediti legati al Superbonus e agli altri bonus edilizi scatterà con un “concorso nella violazione” ma solo se quest’ultima viene compiuta “con dolo o colpa grave”.

Come funziona adesso

Il blocco dei crediti è sicuramente anche figlio di quanto argomentato dall’Agenzia delle Entrate nella maxi circolare n.23/2022, dove sono stati elencatati una serie di criteri a cui i soggetti che accettano la cessione, e in particolare le banche, devono attenersi prima di effettuare l’operazione.

Ecco perché, una volta convertito definitivamente in legge il DL Aiuti-Bis, ci si attende un aggiornamento della circolare sopracitata da parte del Fisco, in modo da chiarire tutti i dettagli della nuova normativa.

Energia: la crisi dei costi si attenua

Energia: la crisi dei costi si attenua

Energia, la crisi dei costi si attenua, in vista tariffe più «soft» per cittadini e imprese Le conseguenze del conflitto fra Russia ed Ucraina (divampato poco meno di un anno fa, alla fine del febbraio del 2020) sembrano essersi affievolite sul versante dei prezzi...

Il codice degli appalti al tavolo europeo

Il codice degli appalti al tavolo europeo

Entrata in vigore entro il 31 marzo, ma ancora non c’è la data esatta L’entrata in vigore del codice degli appalti arriverà entro il 31 marzo. La data esatta, però, sarà definita al termine dell’interlocuzione in corso con l’Europa. Sono le parole di Matteo Salvini,...

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest