Superbonus, Ecobonus e Bonus Casa: dal 1° ottobre inserimento pratiche solo con SPID

da | 7 Set 2021 | Competenze multidisciplinari, Notizie

Dal 1° ottobre 2021, per inserire nuove pratiche SuperEcobonus, Ecobonus e Bonus Casa (Ristrutturazioni), ma anche Bonus Facciate sullo speciale portale di ENEA, sarà obbligatorio autenticarsi con login SPID.

Lo ha comunicato, con un annuncio sul portale dedicato alle detrazioni fiscali, l’ENEA, specificando peraltro che queste procedure sono già attive dallo scorso 1° settembre ma, da venerdì 1° ottobre, rappresenteranno l’unica modalità di accesso consentita.

Gli account di tipo “intermediario” intestati ad aziende potranno continuare ad utilizzare la vecchia login ENEA.

Pubblicità
Honeywell CLSS

A cosa serve il portale ENEA: riepilogo veloce

In un precedente articolo (Detrazioni fiscali e asseverazioni da inviare all’ENEA: ecco come si fa), era stato spiegato nel dettaglio il funzionamento dl portale ENEA e cosa devono fare i professionisti per asseverare i lavori e, quindi, dare il via al processo che porta alla detrazione fiscale.

Qui possiamo brevemente ricordare che:

  • il portale serve per creare e protocollare le asseverazioni relative al SuperEcobonus 110%, alla fine dei lavori e quando si opta per la cessione del credito e lo sconto in fattura per gli stati di avanzamento lavori al 30% e al 60% (cd. SAL);
  • per l’Ecobonus ordinario (aliquote del 50%, 65%, 70%, 75%, 80% e 85%), occorre trasmettere all’Enea le informazioni sugli interventi terminati;
  • l’invio della scheda descrittiva è richiesto anche per gli interventi influenti dal punto di vista termico o che interessino il rifacimento dell’intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente complessiva totale dell’edificio di cui al Bonus Facciate (detrazione al 90% delle spese sostenute nel 2020 e nel 2021).

SPID: come funziona?

Il sistema pubblico di identità digitale consente di accedere ai portali della PA (e non solo) utilizzando solamente un’username (solitamente il proprio indirizzo mail) e una password. L’accesso avviene online da pc, tablet, smartphone.

Lo possono richiedete tutti i cittadini italiani o comunque in possesso di una carta d’identità e di un codice fiscale italiani in corso di validità, che siano maggiorenni, residenti in Italia o all’estero.

Per richiedere e ottenere le credenziali SPID servono:

  • un indirizzo e-mail
  • un numero di telefono di cellulare
  • un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente)
  • la tessera sanitaria con il codice fiscale

Per procedere all’attivazione, occorre infine ‘scegliere’ uno tra i gestori di identità abilitati (identity provider, es. LEPIDA, ARUBA, ecc) e registrati sul sito del gestore che scelto, seguendo questi passaggi:

  • inserimento dei dati anagrafici;
  • creazione delle credenziali SPID;
  • riconoscimento, scegliendo tra le modalità gratuite o a pagamento offerte dai gestori di identità, da conoscere prima di procedere all’attivazione.

L’utilizzo di SPID è completamente gratuito.

Inserire dati richiesti per creare una nuova registrazione

ENEA precisa che la registrazione è solo per le Aziende, la tipologia di utenza verrà impostata automaticamente su persona giuridica.

Per le persone fisiche sia Beneficiari che Intermediari che Asseveratori (professionisti tecnici), occorre autenticarsi direttamente con SPID, e al primo accesso verrà richiesto di scegliere il tipo di utente.

 

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Incontro CNEL-ProfessionItaliane su formazione e lavoro in carcere

Rafforzare la collaborazione tra il mondo delle professioni e il CNEL Si è tenuto lo scorso 28 febbraio, presso la sede del CNEL, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, Renato Brunetta, e ProfessionItaliane, l’Associazione che...

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest