Superbonus case unifamiliari e condomini: riepilogo della situazione

da | 25 Lug 2023 | Costruzione, ambiente e territorio

Riepilogo della situazione attuale del Superbonus sia per i condomini che per le case unifamiliari

Mentre si prospettano cambiamenti – sul medio/lungo termine – per i bonus edilizi, magari arrivando (ma sarà dura) a un unico bonus omnicomprensivo con un’unica detrazione al posto degli ‘enne’ che ci sono oggi, può essere utile riepilogare la situazione attuale del Superbonus sia per i condomini che per gli edifici unifamiliari, ora che si è cristallizzata la novità principale del DL Cessioni (11/2023), cioè lo stop ‘indiscriminato’ al meccanismo della cessione del credito e dello sconto in fattura.

Condomini: quando il Superbonus è ancora al 110%?

Per rispondete alla domanda di cui sopra bisogna tenere presente l’incastro di tre norme recenti:

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Ora, per gli interventi effettuati su condomini ed edifici plurifamiliari da 2 a 4 unità immobiliari possedute da persona o più persone fisiche compresi quelli effettuati su edifici oggetto di demolizione e ricostruzione di cui all’art.3, comma 1, lettera d), del Testo Unico Edilizia, la detrazione fiscale piena (cioè al 110%) potrà essere richiesta:

  • se l’assemblea condominiale ha approvato i lavori entro il 18 novembre 2022 e la CILA-S (o la richiesta del titolo edilizio abilitativo) è stata presentata in comune entro il 31 dicembre 2022;
  • se l’assemblea condominiale ha approvato i lavori dal 19 al 24 novembre 2022 e la CILA-S (o la richiesta del titolo edilizio abilitativo) è stata presentata entro il 25 novembre 2022;
  • se, in caso di lavori di demolizione e ricostruzione, la richiesta del permesso di costruire è stata presentata entro il 31 dicembre 2022.

Quindi si tratta di lavori iniziati ‘molto’ prima del blocco delle cessioni, avvenuto il 16 febbraio 2023, per i quali è stato già possibile optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito.

Importante: se si devono realizzare, anche domani ad esempio, delle ‘varianti’ a uno degli interventi di cui sopra, vige continuità con le regole e si prenderà sempre il 110% con la possibilità di scegliere una delle due opzioni.

E’ quindi possibile beneficiare del Superbonus 110% per il 2023 e dell’opzione per la cessione del credito e per lo sconto in fattura in ordine agli interventi per cui è richiesta la presentazione di un progetto in variante al titolo abilitativo previsto in ragione della tipologia di interventi edilizi.

 

Quando si scende al 90% nei condomini

Ora passiamo a chi non rientra nelle date sopracitate: per il 2023, il Superbonus nei condomini è al 90%.

In merito alla possibilità di poter o meno scegliere una delle due opzioni, dipenderà dalla data di presentazione della CILA-S o del titolo abilitativo richiesto:

  • se prima del 16 febbraio 2023, ok a cessione/sconto;
  • se dopo, solo fruizione diretta.

 

Dal 2024 in poi

Nel 2024, l’aliquota detraibile scenderà al 70%, ulteriormente abbassata al 65% nel 2025, ovviamente senza possibilità di sconto o cessione.

 

Case unifamiliari: Superbonus 110% con cessione o 90% con la ‘tagliola’ del 16 febbraio 2023

Gli edifici unifamiliari nei quali, entro il 30 settembre 2022, sono stati completati almeno il 30% dei lavori (SAL) prenderanno il Superbonus nella vecchia aliquota maggiorata (110%) per le spese sostenute fino al 30 settembre 2023.

In questo caso resta ancora possibile scegliere per la cessione del credito come per lo sconto in fattura, e vale lo stesso discorso fatto per le varianti nei condomini.

Per quel che riguarda invece gli interventi avviati a partire dal 1° gennaio 2023, invece, il Superbonus è sceso al 90% per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2023 ma a determinate condizioni:

  • il contribuente deve essere titolare di diritto di proprietà o di diritto reale di godimento sull’unità immobiliare;
  • la stessa unità immobiliare deve essere adibita ad abitazione principale;
  • il contribuente deve avere un reddito di riferimento non superiore a 15.000 euro, innalzati in base al quoziente familiare edilizio, cioè un meccanismo di calcolo in cui si procede alla divisione dei redditi complessivi posseduti per nucleo familiare per i singoli componenti a cui è attribuito un coefficiente.

Per quel che riguarda la possibilità di optare per la cessione del credito o lo sconto in fattura, vale lo stesso discorso fatto sopra per i condomini (‘dead-line’ della presentazione del titolo abilitativo o della CILA prima o dopo il 16 febbraio 2023).

Pubblicità
Blumatica Impianti Solari

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest