Pubblicità
  • Leadeboard INIM
  • Certifico 4.0

Sui dati ambientali Italia meglio di Germania, Francia e Regno unito

da | 2 Set 2021 | Meccanica ed efficienza energetica, Notizie

Italia sopra la Germania, la Francia e la Gran Bretagna per quanto riguarda la tempestività e la completezza sulla fornitura dei propri dati in materia ambientale. Ai primi posti di questa speciale classifica si trovano Austria, Macedonia del nord, Svezia e Svizzera. All’ultimo, invece, il Liechtenstein. A stilare il ranking è Eionet, la rete europea di informazione e osservazione in materia ambientale, che ha presentato i risultati di quanto ricevuto nel 2020 dai diversi paesi dichiaranti, circa 11 flussi di dati in 6 differenti aree: qualità dell’aria, emissioni atmosferiche, biodiversità, mitigazione dei cambiamenti climatici, inquinamento industriale, acqua (comprese acque di balneazione, acque interne, marine strategy e trattamento delle acque reflue urbane).

La classifica è basata su una percentuale da 0 a 100 legata all’efficienza del paese in termini di tempestività e di qualità dei dati forniti in merito alla situazione ambientale. L’Italia si piazza al decimo posto, con una percentuale del 95%. Siamo più efficaci di Francia (91%), Spagna (91%), Regno unito (89%) e Germania (77%). Il dato tedesco diventa ancora più interessante analizzando la serie storica delle classifiche: nel 2017 la Germania era arrivata al 97%, scendendo di anno in anno fino all’attuale 77. In Italia, così come in altri paesi, il trend è stato invece opposto. Nel 2016 la percentuale di efficacia era del 65%, scesa addirittura al 61% nel 2017. Poi 73% nel 2018, con il salto a 90% nel 2019 e la stabilizzazione a 95% dell’anno scorso. Non mancano comunque nazioni che hanno peggiorato le loro performance: la Slovenia, ad esempio, è passata dal 93% del 2016 al 75% del 2020, così come la Lettonia, che raggiungeva il 93% cinque anni fa e ora invece arriva al 77%. Le serie storiche partono dal 2005 e in questi 15 anni sono stati notevoli i miglioramenti: l’Italia, ad esempio, era ferma al 59% contro il 95% attuale. Notevole l’attenzione al tema nei Balcani: oltre alla Macedonia che lo detiene da tre anni, il livello del 100% è stato raggiunto negli anni scorsi anche dalla Serbia (nel 2019). Il Regno unito era al 100% nel 2017.

A dominare la classifica attualmente, con il 100% di efficacia, un gruppo di 4 paesi (Austria, Macedonia del nord, Svezia e Svizzera), seguite da Belgio, Repubblica ceca e Estonia. Completano la top ten Croazia, Finlandia e Italia. Guardando il fondo della classifica, sopra il Lichtenstein, troviamo Bosnia, Turchia, Albania, Romania, Montenegro e Grecia. La Germania è l’ultimo dei grani paesi, seguito a ruota dalla Norvegia. Secondo quanto previsto dal piano di lavoro pluriennale dell’Agenzia europea 2014-2020 l’obiettivo è il raggiungimento di un livello medio del 90% di efficienza, obiettivo raggiunto dai 27 paesi Ue più Regno Unito (91%).

Pubblicità
Honeywell Notifier Variodyn
Per il dissesto idrogeologico servono oltre 26 miliardi

Per il dissesto idrogeologico servono oltre 26 miliardi

I numeri nel report del Consiglio nazionale ingegneri. Negli ultimi 20 anni spesi 6,6 miliardi La lotta al dissesto idrogeologico presenta un conto salato, visto che servirebbero oltre 26 miliardi di euro per finanziare gli interventi necessari. Negli ultimi vent’anni...

Per il dissesto idrogeologico servono oltre 26 miliardi

I numeri nel report del Consiglio nazionale ingegneri. Negli ultimi 20 anni spesi 6,6 miliardi La lotta al dissesto idrogeologico presenta un conto salato, visto che servirebbero oltre 26 miliardi di euro per finanziare gli interventi necessari. Negli ultimi vent’anni...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest