Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile: il MASE libera 5,5 milioni di euro

da | 18 Gen 2024 | Costruzione, ambiente e territorio

Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) mette a disposizione un finanziamento di 5,5 milioni di euro per promuovere l’attuazione della nuova Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile e dell’Agenda 2030 sui territori.

Gli obiettivi e le principali caratteristiche dell’Avviso

L’iniziativa, concretizzatasi in un Avviso pubblicato dal MASE, mira a sostenere la localizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU attraverso la stipula di accordi di collaborazione con Regioni, Province Autonome e Città metropolitane.

Gli obiettivi principali della Strategia includono:

Pubblicità
Notifier Centrali AM
  • la coerenza delle politiche per lo sviluppo sostenibile;
  • la promozione della cultura della sostenibilità;
  • il coinvolgimento attivo dei cittadini.

L’avviso per la presentazione di manifestazioni di interesse, curato dalla direzione Economia Circolare del MASE, prosegue la linea dei due precedenti del 2018 e del 2019/2020, che hanno portato all’approvazione di diciassette Strategie regionali e provinciali per lo sviluppo sostenibile, insieme a otto agende metropolitane.

Nello specifico, dei 5.5 milioni di euro totali:

  • 5 saranno destinati alla copertura finanziaria delle proposte presentate da Regioni e Province Autonome;
  • 2 saranno destinati alla copertura finanziaria delle proposte presentate da Città Metropolitane.

Saranno oggetto di Accordo di collaborazione le categorie di intervento che soddisfino la realizzazione degli adempimenti di cui ai commi 4 e 5 dell’art. 34 del D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii.

Le Regioni, le Province Autonome e le Città Metropolitane potranno presentare una proposta di intervento integrata che includa azioni riferibili ad almeno due delle tre categorie di intervento, come da descrizione di dettaglio contenuta nell’Allegato 1 all’Avviso.

Manifestazioni di interesse: le modalità di presentazione

I Legali Rappresentanti dei Soggetti Proponenti dovranno presentare formale manifestazione di interesse per l’attribuzione delle risorse.

Ogni ente può presentare una sola proposta di intervento, redatta secondo il format di cui all’Allegato 3.

Le proposte, redatte e sottoscritte come indicato ai commi 1 e 2 dell’articolo 5, dovranno essere inviate esclusivamente all’indirizzo PEC EC@pec.mite.gov.it a partire dal 17 gennaio 2024 ed entro e non oltre i 70 giorni successivi alla stessa.

Durata del progetto

Le attività incluse nelle proposte presentate dovranno essere avviate entro e non oltre due mesi dalla data di sottoscrizione dell’Accordo di collaborazione e concluse entro e non oltre i 18 mesi successivi alla data di avvio attività.

La comunicazione di avvio attività dovrà essere inviata esclusivamente all’indirizzo PEC EC@pec.mite.gov.it.

Spese ammissibili

Sono ammissibili i costi relativi a:

  • personale;
  • acquisto di beni;
  • acquisto di servizi;
  • spese generali.

Pichetto: 17 milioni di euro nei prossimi 2 anni

Il Ministro della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto ha sottolineato l’importanza di dare attuazione concreta alla Strategia, annunciando un investimento previsto di circa 17 milioni di euro nei prossimi due anni.

Fondamentale – secondo il Ministro – è la collaborazione con i territori, che devono essere protagonisti di questa sfida collettiva.

Il MASE – si legge nella nota ufficiale – continuerà a promuovere la collaborazione con gli enti territoriali, impegnandosi per coinvolgerli attivamente nell’attuazione, monitoraggio e rendicontazione della Strategia.

Al contempo, supporterà il ruolo dei territori nei contesti nazionali e internazionali per la piena realizzazione dell’Agenda 2030.

Pichetto ha concluso che con queste azioni, l’Italia diventa un esempio internazionale di “best practice” nella localizzazione degli Sustainable Development Goals (SDGs).

Leggi l’ultimo articolo: https://www.opificiumagazine.it/comunita-energetiche-in-arrivo-le-regole-operative/ 

Dighe: arriva il nuovo Regolamento

Dighe: arriva il nuovo Regolamento

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.156 del 5 luglio 2024 del decreto n.94 del 14 maggio 2024, l’Italia si dota di un nuovo Regolamento sulle dighe e le traverse. Il provvedimento, in vigore dal 20 luglio, disciplina il procedimento di approvazione dei...

PNIEC, inviato il testo alla Commissione UE

PNIEC, inviato il testo alla Commissione UE

PNIEC: 131 GW rinnovabili al 2030 E’ stato inviato alla Commissione europea, da parte dei Ministeri dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica e delle Infrastrutture e dei Trasporti, il testo definitivo del Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC). Per...

Materie prime critiche di interesse strategico: nuove regole

Materie prime critiche di interesse strategico: nuove regole

Nuove regole nella normativa nazionale sul settore minerario per le materie prime di interesse strategico Il nuovo decreto-legge “Materie prime critiche”, approvato la scorsa settimana dal Governo e pubblicato col numero 84/2024 del 25 giugno nella Gazzetta Ufficiale...

Pubblicità
  • Box Area Tematica Blumatica
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM

CER: in 500 al corso di Formazione Federesco-Gse-Cnpi

CER: il corso su “La nuova disciplina delle comunità energetiche rinnovabili e dell'autoconsumo diffuso" Oltre 500 utenti collegati, tra professionisti del settore e portatori di interesse, con l’obiettivo di approfondire un percorso formativo incentrato sulle CER, le...

Unem: nel 2030 – 3,8 miliardi di accise con le auto elettriche

I numeri dell’Unem. Tra le ipotesi del governo nuove imposizioni sull’elettrico per il calo delle accise Se al 2030 ci saranno 4 milioni di auto elettriche in circolazione, verranno a mancare 3,8 miliardi di accise, visto il calo di almeno un milione di tonnellate di...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest