Servizi digitali delle PA: nuovi Avvisi per 90 milioni di euro

da | 14 Mag 2024 | Informatica

Avviso per 90 mln per i servizi digitali PA

Arrivano altri 90 milioni di euro per i servizi digitali della PA – pubblica amministrazione: lo ha annunciato il Dipartimento per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri che, a due anni dall’inizio del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), continua ad impegnarsi per sostenere la digitalizzazione delle PA locali.

Le nuove risorse allocate mirano a potenziare ulteriormente l’uso di strumenti chiave già consolidati per la digitalizzazione dei servizi pubblici in Italia: app IO, pagoPA e SEND.

Per il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’innovazione tecnologica, Alessio Butti, “altri 90 milioni di euro per digitalizzare la PA rappresentano un impegno tangibile del Governo Meloni nel rendere i servizi pubblici più accessibili e funzionali, promuovendo un cambiamento duraturo nel sistema paese. Con l’aumento delle risorse per app IO, pagoPA e la nuova piattaforma SEND, guardiamo al futuro agendo con decisione e visione per non lasciare indietro nessuna amministrazione locale“.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Nel dettaglio, stati pubblicati nuovi Avvisi su PA digitale 2026 per favorire ulteriormente l’adesione a SEND, destinando altri 50 milioni di euro per il programma di notifiche digitali. Si continua il supporto all’app IO con 30 milioni di euro e a pagoPA con 10 milioni di euro.

Grazie agli Avvisi di PA digitale 2026, sono stati stanziati in tutto oltre 2 miliardi di euro per le PA locali, favorendo la migrazione in cloud, la digitalizzazione dei servizi tramite pagoPA, app IO e SEND, l’efficientamento delle infrastrutture e dei dati con la PDND, il rafforzamento dell’identità digitale (CIE/Spid) e l’implementazione di modelli collaudati per siti e servizi web pubblici.

Da sottolineare che circa 17.000 PA locali hanno aderito agli Avvisi del PNRR dedicati al digitale, con oltre 54.000 progetti di digitalizzazione avviati. Questo percorso verso il 2026 procede con successo, con la maggior parte delle iniziative già in fase di realizzazione e circa 130 milioni di euro già erogati per progetti completati con successo.

Queste nuove risorse sono fondamentali per garantire che nessuna PA locale venga trascurata – chiude il DTD -, permettendo al PNRR di portare un cambiamento sostenibile al sistema Paese.

Criteri di accesso

Le candidature delle Pubbliche Amministrazioni per accedere alle risorse sono valutate in base all’ordine cronologico di presentazione, soggette a un controllo di ricevibilità e ammissibilità secondo le disposizioni dell’Avviso.

Dopo la convalida della richiesta, la piattaforma comunica l’ammissibilità del finanziamento alla PA, che deve inserire il Codice Unico di Progetto (CUP) per confermare l’accettazione del procedimento.

Durante il periodo di apertura dell’Avviso, il Dipartimento per la Trasformazione Digitale finanzierà le istanze pervenute entro le finestre temporali stabilite, conformemente all’articolo 10 dell’Avviso.

Modalità di partecipazione

La domanda di candidatura all’Avviso è esclusivamente online, attraverso questa piattaforma, con accesso riservato e autenticazione tramite identità digitale (SPID, CIE) sia per il rappresentante legale dell’amministrazione che per gli altri utenti.

Al termine della procedura, il sistema consente di generare la domanda di partecipazione, firmata digitalmente dal legale rappresentante della PA e caricata nella piattaforma.

Una ricevuta di trasmissione viene inviata all’indirizzo PEC scelto durante il primo accesso.

Italia in ritardo sulle competenze digitali

Italia in ritardo sulle competenze digitali

Su 27 paesi dell’Unione europea siamo al 23° posto rispetto alle competenza digitali Decennio digitale e capitale umano: il ritardo dell’Italia nelle competenze. Basterebbe il titolo del report pubblicato dall’Istat il 21 giugno per inquadrare la situazione delle...

Ok definitivo al ddl sulla cybersicurezza

Ok definitivo al ddl sulla cybersicurezza

Cybersicurezza, Testo approvato dal Senato. Obbligo di segnalazione immediata degli attacchi subiti dalla Pa La legge per la tutela contro i reati informatici è realtà. Il 19 giugno, infatti, il Senato ha approvato in via definitiva il ddl Atto Senato 1143 recante...

Il Ddl IA arriva in Senato

Il Ddl IA arriva in Senato

Ddl IA: Testo presentato in commissione. A giorni l’ok sulla cybersicurezza Il disegno di legge italiano sull’Intelligenza artificiale inizia il suo percorso in Parlamento. È partita, infatti, la discussione in commissione sul Ddl approvato in via preliminare dal...

Pubblicità
  • Box Area Tematica Blumatica
  • Obo Bettermann

Sfoglia la rivista Opificium! E’ online il n°3-2024 (maggio-giugno)

E’ online il n. 3-2024 di Opificium Sfoglialo ora! E’ online il numero 3-2024 (maggio – giugno) della rivista Opificium – Osservatorio dei Periti Industriali su formazione, industria, cultura d’impresa, università e management / La Rivista del Perito Industriale....

Filiera formativa tecnologico-professionale, 4+2 in arrivo

Iniziata la discussione alla Camera sulla riforma Valditara, che cambia il mondo degli Its Corre spedita la riforma Valditara per l’istituzione della filiera formativa tecnologico-professionale, che porterà al nuovo modello 4+2. Lo scorso 3 luglio, infatti, la...

Fondazione Super, ampia adesione per l’ingresso di Stefano Cervi

Si rafforza la collaborazione tra il Cnpi e la Scuola universitaria per le professioni tecniche dell’Emilia Romagna (SUPER) con l’elezione del consigliere nazionale del CNPI Stefano Cervi nel Consiglio di indirizzo della Fondazione. Stefano Cervi, perito industriale...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest