Salute e Sicurezza: parte il Bando ISI 2022 per le imprese

da | 14 Feb 2023 | Prevenzione e igiene ambientale

Con la pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale n.26 dello scorso 1° febbraio, dell’estratto dell’Avviso pubblico per il Bando ISI 2022, è partito ufficialmente il ‘count-down’ per candidare il proprio progetto di sicurezza sul lavoro ad un Avviso pubblico dell’INAIL.

Mette sul piatto, in totale, 333 milioni di euro in finanziamenti a fondo perduto per la realizzazione di progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Le finalità del Bando

Tra gli obiettivi del Bando, si segnalano:

  • l’incentivazione delle imprese alla realizzazione di progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti;
  • il conseguimento della riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

 

I destinatari

Il Bando ISI 2022 è dedicato a tutte le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura, secondo le distinzioni specificate in relazione ai diversi Assi di finanziamento.

Pubblicità
Honeywell CLSS

 

Progetti ammessi a finanziamento

I progetti, ai fini della finanziabilità, sono stati divisi in 5 assi:

  • Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale – Assi di finanziamento 1.1 e 1.2
  • Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) – Asse di finanziamento 2
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – Asse di finanziamento 3
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività – Asse di finanziamento 4
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli – Asse di finanziamento 5.

 

Risorse economiche

Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA.

Le risorse finanziarie destinate ai progetti sono ripartite per regione/provincia autonoma e per assi di finanziamento.

L’importo massimo erogabile è di 130.000 euro per i progetti appartenenti agli assi 1, 2 e 3, di 50.000 euro per i progetti appartenenti all’asse 4 e di 60.000 euro per i progetti appartenenti all’asse 5.

Le domande: modalità e tempistiche

Le date di apertura e chiusura della procedura informatica (e guidata) per la presentazione della domanda saranno pubblicate, a cura dell’INAIL, nella sezione dedicata al bando ISI 2022, entro il 21 febbraio 2023.

La domanda compilata e registrata, esclusivamente in modalità telematica, dovrà essere inoltrata allo sportello informatico per l’acquisizione dell’ordine cronologico, secondo quanto riportato nel documento “Regole Tecniche e modalità di svolgimento”.

Le domande ammesse agli elenchi cronologici dovranno essere confermate, a pena di decadenza dal beneficio, attraverso l’apposita funzione on line di upload/caricamento della documentazione, come specificato negli Avvisi regionali/provinciali.

Una spinta all’agrivoltaico innovativo

Una spinta all’agrivoltaico innovativo

Dal ministero dell’ambiente il decreto con gli incentivi all'agrivoltaico innovativo Incentivi all’agrivoltaico innovativo, con l’obiettivo di realizzare almeno 1,04 Gw di impianti. Sono i frutti del decreto pubblicato sul sito del ministero dell’ambiente e della...

Via libera al dl Energia

Via libera al dl Energia

Incassato l’ok definitivo al Senato sul dl Energia. Spinta alle rinnovabili e alla decarbonizzazione Energia rinnovabile, rete elettrica e fotovoltaico. Ma anche decarbonizzazione, produzione di gas naturale, concessioni geotermoelettriche e stoccaggio di Co2. Sono...

Pubblicità
  • box inim
  • maico estrazione fumi

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest