Regioni del Mezzogiorno: nuovi contributi per crescita sostenibile e competitività delle PMI

da | 31 Mag 2023 | Meccanica ed efficienza energetica

Arrivano risorse fresche per sostenere il processo di transizione delle piccole e medie imprese del Mezzogiorno (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna)

Nuovi contributi per crescita sostenibile e competitività delle PMI, in linea con quanto stabilito dal Piano Transizione 4.0.

L’investimento del Ministero del Made in Italy è notevole: si tratta di un decreto che istituisce un nuovo Bando/Avviso pubblico da 400 milioni di euro complessivi provenienti dal Programma Nazionale “Ricerca, Innovazione e Competitività per la transizione verde e digitale 2021-2027” (PN RIC 2021-2027).

Gli obiettivi

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Come sottolineato dal MIMI, la finalità del provvedimento è quella di sostenere il processo di transizione delle PMI del Sud con incentivi mirati all’imprenditoria innovativa, cioè che faccia un ricorso allargato e specifico alle tecnologie digitali.

Le tecnologie incentivabili

Per ottenere l’accesso agli incentivi, i progetti devono basarsi sull’utilizzo di tecnologie abilitanti (esempio: realtà virtuale, cloud computing, ecc.) che portino:

  • all’ampliamento della capacità produttiva;
  • alla diversificazione della produzione;
  • alla realizzazione di nuovi prodotti, o alla modifica del processo di produzione già esistente, o alla realizzazione una nuova unità produttiva.

Valutazione di finanziabilità

Saranno riconosciuti significativi anche i punteggi premiali per i progetti inerenti l’efficientamento energetico dell’impresa e che consentano un risparmio energetico almeno del 5%, e quelli finalizzati a introdurre nel processo produttivo soluzioni collegate all’economia circolare e alla sostenibilità ambientale.

Le premialità riguarderanno, inoltre, i progetti che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici individuati dall’articolo 9 del regolamento (UE) n. 2020/852 del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2020, ovvero per le PMI che abbiano aderito ad un sistema di gestione ambientale o di efficienza energetica o che siano in possesso di una certificazione ambientale di prodotto.

Spese ammissibili ed entità dell’incentivo

Ogni progetto dovrà prevedere spese ammissibili comprese tra 750 mila e 5 milioni di euro e, ovviamente, essere realizzato in Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia o Sardegna.

L’incentivo coprirà al massimo il 75% delle spese ritenute ammissibili con un’agevolazione a due vie: una parte in contributo secco, l’altra in finanziamento agevolato.

CER: attivi i portali GSE per gli incentivi

CER: attivi i portali GSE per gli incentivi

Entrati in funzione dall’8 aprile, a partire dalle ore 17:00, i portali del GSE per accedere agli incentivi sulle comunità energetiche. Un passo importante e molto atteso perché grazie ai nuovi portali sarà possibile l’invio delle richieste dei contributi per le CER e...

Una spinta al biogas in agricoltura

Una spinta al biogas in agricoltura

Biogas in agricoltura: firmato il decreto che stanzia 193 milioni di euro Una spinta al biogas e all’efficienza nel settore agricolo, sfruttando i fondi del Pnrr. È l’obiettivo che si prefigge di raggiungere il decreto ministeriale firmato da Gilberto Pichetto Fratin,...

Pubblicità
  • Box Blumatica Impianti Fotovoltaici
  • Obo Bettermann
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM

Bando ISI 2023 per la salute e sicurezza delle imprese

Apertura dal 15 aprile sino alle ore 18:00 del 30 maggio 2024 della procedura informatica per la compilazione della domanda, attraverso un percorso guidato, del bando ISI 2023 Inail. Un avviso che, come ogni anno, ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest