Rafforzamento contratti di sviluppo: i nuovi decreti del MISE

da | 1 Set 2022 | Competenze multidisciplinari

Sono due, i nuovi decreti a firma di Giancarlo Giorgetti (Sviluppo Economico) in materia di contratti di sviluppo, che andranno a ‘muovere’ un totale di 2 miliardi di euro per finanziare oltre 100 progetti.

Diventa operativa, inoltre, la misura a sostegno delle industrie che riducono le emissioni di CO2 e i consumi di energia.

Entrambi i decreti, per i quali forniamo alcune specifiche qui sotto, sono stati inviati alla Corte dei Conti per la registrazione.

Pubblicità

Fondo Coesione: 2 miliardi per altri 101 progetti

Il primo provvedimento definisce la destinazione dei 2 miliardi di euro del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC 2021-2027), assegnati dal CIPESS al Mise, per finanziare ulteriori 101 progetti da realizzare per l’80% nel Mezzogiorno e il 20% nel Centro – Nord, come previsto dalla normativa europea.

In particolare:

  • 1,5 miliardi di euro sono dedicati alle domande dei contratti di sviluppo già presentate con la procedura ordinaria;
  • 500 milioni di euro finanzieranno nuovi progetti per il rilancio industriale.

A queste risorse si aggiungono quelle stanziate dal Governo nel decreto legge “Aiuti bis”:

  • 40 milioni nel 2022,
  • 400 milioni nel 2023,
  • 12 milioni per ciascun anno dal 2024 al 2030,

con l’obiettivo di sbloccare ulteriori progetti.

Il provvedimento ha anche introdotto semplificazioni sul funzionamento di questo importante strumento di politica industriale del MISE, al fine di accelerare l’iter amministrativo di concessione delle agevolazioni alle imprese (fast-track).

Contratti di sviluppo: nuovi aiuti di Stato

Un altro provvedimento vede l’applicazione ai contratti di sviluppo delle disposizioni del temporary framework adottato dalla Commissione europea.

Nello specifico, si prevede un regime favorevole in materia di aiuti di Stato per i progetti di imprese che, non comportando un aumento della capacità produttiva complessiva, consentono una riduzione sostanziale delle emissioni di gas serra delle attività industriali che attualmente fanno affidamento sui combustibili fossili come fonte di energia o materia prima ovvero a una riduzione sostanziale del consumo di energia nelle attività e nei processi industriali.

Saranno quindi agevolati gli investimenti industriali che perseguono uno dei seguenti obiettivi:

  • la riduzione di almeno il 40% delle emissioni dirette di gas a effetto serra, mediante l’elettrificazione dei processi produttivi o l’utilizzo di idrogeno rinnovabile e di idrogeno elettrolitico in sostituzione dei combustibili fossili, oppure
  • la riduzione di almeno il 20% del consumo di energia in relazione alle attività sovvenzionate.

Un successivo provvedimento ministeriale stabilirà i termini di presentazione delle domande.

 

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest