Radon, presentati i risultati del progetto “Life Respire”

da | 17 Mag 2022 | Chimica

Il progetto: valutazione della qualità dell’aria e monitoraggio

Monitoraggio della concentrazione del radon, mappa delle caratteristiche geologiche del territorio dalle quali ricavare la presenza di radon (gas inerte di origine naturale) nel suolo dei Comuni coinvolti e pianificazione territoriale grazie a una serie di documenti che le autorità locali potranno utilizzare. Sono i tre obiettivi raggiunti del progetto “Life Respire” a cura del Ministero della transizione ecologica e del Ministero della salute presentati a Roma, nell’ambito del convegno “Il radon dalla geologia alla gestione del rischio indoor”.

Il progetto co-finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Programma LIFE 2014-2020, riguarda proprio la valutazione della qualità dell’aria in ambienti confinati e, in particolare, il monitoraggio del rischio di esposizione al radon. Nello specifico, l’obiettivo è quello di sviluppare un sistema per il monitoraggio in tempo reale del radon indoor, per aiutare ad adottare le azioni di bonifica appropriate. Questo, dovrebbe contribuire all’attuazione della direttiva 2013/59/Euratom, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione umana alle radiazioni ionizzanti.

Contestualmente ai tre obiettivi raggiunti dal Progetto Life Respire è stata presentata anche la proposta di “Piano nazionale d’azione per il radon”, sempre a cura degli stessi dicasteri e redatta grazie all’impegno e alla collaborazione di esperti dei ministeri competenti, dell’ISIN, dell’Istituto superiore di sanità e delle Regioni.

Pubblicità

Inoltre, sono state illustrate le attività avviate da ISPRA, MiTE e Ministero della salute in attesa dell’adozione del Piano, che consistono nella definizione di criteri e indicatori di natura geomorfologica per supportare l’individuazione delle aree prioritarie, nell’armonizzazione e nel coordinamento degli interventi e delle politiche legati al radon con quelli finalizzati all’efficientamento energetico degli edifici e al miglioramento della qualità dell’aria indoor e nella costruzione di pagine web rivolte ai cittadini e alle imprese, efficaci e interattive per una conoscenza della tematica radon e progetti di citizen science.

Chimica e sicurezza sul lavoro sempre più vicini

Chimica e sicurezza sul lavoro sempre più vicini

Il settore investe tanto sulle tutele e il ruolo dei chimici sta diventando ogni giorno più importante Chimica e sicurezza sul lavoro, un binomio inscindibile. Il settore da anni registra ottime performance, con investimenti importanti accompagnati dalla diminuzione...

La chimica è all’avanguardia sulla sicurezza sul lavoro

La chimica è all’avanguardia sulla sicurezza sul lavoro

Posizione di leardership nell'ambito della sicurezza sul lavoro Dal 2012 gli infortuni si sono ridotti del 40% a parità di ore lavorate All’industria della chimica l’oscar della sicurezza sul lavoro. Il settore, infatti, ha visto ridurre del 40% gli infortuni in 11...

Il caro energia frena il settore della chimica

Il caro energia frena il settore della chimica

Il caro prezzi si abbatte sulla chimica Il settore è infatti in discesa, visto che nel secondo semestre è previsto un calo della produzione dell’8%, che porterebbe a una diminuzione complessiva nell’anno del 4%. Nei primi sei mesi del 2022, infatti, il settore aveva...

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest