Il portale incentivi.gov funziona: più di 1.000 incentivi e 374 PA coinvolte

da | 17 Apr 2024 | Competenze multidisciplinari

Il portale incentivi.gov funziona, principale motore di ricerca che mira a divulgare bandi, avvisi e altre forme di agevolazione per imprese e cittadini.

A quattro mesi dal recente restyling grafico del portale, infatti, sono stati pubblicati oltre 1.000 incentivi online da 374 diverse Pubbliche Amministrazioni.

La piattaforma, gestita dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy ed interconnessa con il Registro Nazionale Aiuti (RNA), ha fatto registrare un notevole coinvolgimento degli enti territoriali e locali.

Nello specifico:

Pubblicità
Honeywell CLSS
  • il 32% dei bandi presenti sulla piattaforma proviene da Regioni e Province;
  • il 31% da Comuni;
  • il 17% da Camere di Commercio.

Il valore complessivo degli incentivi supera i 56 miliardi di euro, con 19 miliardi destinati a bandi, avvisi e agevolazioni del MIMIT e circa 37 miliardi provenienti da iniziative di altre amministrazioni, centrali e locali.

Lo stanziamento totale dei bandi attivi o in arrivo ammonta a 13 miliardi di euro.

Gli obiettivi principali degli incentivi riguardano il sostegno agli investimenti, seguito dal supporto alla liquidità, all’innovazione e alla ricerca, all’internazionalizzazione e alle startup, allo sviluppo d’impresa, alla digitalizzazione e alla transizione ecologica.

I soggetti beneficiari includono imprese, cooperative, associazioni non profit, consorzi, reti di impresa, PMI innovative, università ed enti di ricerca.

La forma di agevolazione più comune è rappresentata dal contributo a fondo perduto.

Tra le utili funzionalità offerte agli utenti su incentivi.gov.it:

  • il Calendario Incentivi, che consente di consultare le date di apertura e chiusura degli incentivi in un’unica agenda;
  • la chatBot, un assistente digitale basato sull’intelligenza artificiale che guida gli utenti nell’identificazione degli incentivi di loro interesse;
  • la dashboard personalizzata, accessibile tramite l’area riservata, che permette di salvare le agevolazioni preferite, visualizzarle in agenda, confrontarle e ricevere suggerimenti in base alle ricerche effettuate;
  • un’area riservata alle pubbliche amministrazioni, con una sezione dedicata alla produzione di report utile per il monitoraggio degli incentivi e delle agevolazioni erogate dall’ente, incluso la pianificazione di interventi futuri;
  • una sezione Opendata, per l’accesso dettagliato ai dati sugli incentivi disponibili.

Da sottolineare, infine, che il portale classifica gli incentivi e ne consente la ricerca per categorie di interesse, ambito territoriale, date di apertura e chiusura e caratteristiche tecniche.

Su incentivi.gov.it è inoltre disponibile un’area riservata a cittadini e pubbliche amministrazioni che consente di salvare le agevolazioni di proprio interesse nella sezione “preferiti”, monitorarle in un calendario, e ricevere suggerimenti sulla base delle ricerche effettuate.

Per le PA che gestiscono bandi e misure di aiuto, l’area riservata permette di accedere alla sezione Reportistica da cui è possibile visualizzare i dati in tempo reale e analizzare lo stato degli incentivi.

Fondo IPCEI: integrazione di 1 miliardo e 500 mila euro

Fondo IPCEI: integrazione di 1 miliardo e 500 mila euro

Integrazione risorse del Fondo IPCEI Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, per sostenere e promuovere la realizzazione di importanti progetti di comune interesse europeo (IPCEI) nelle catene del valore strategiche per l’industria europea, ha disposto,...

Un Superbonus per le assunzioni

Un Superbonus per le assunzioni

L’annuncio del viceministro Leo a margine del Cdm che ha approvato il Dl Coesione Una super deduzione al 120% per le assunzioni, per creare una sorta di “Superbonus del lavoro”. A ciò si aggiungono una serie di incentivi per l’autoimprenditorialità, con un occhio ben...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Centro Studi CNI: Rapporto sul mercato dei SIA

Centro Studi CNI: il mercato dei servizi di ingegneria e architettura (SIA) sembra ancora non aver trovato una rotta stabile E’ quanto emerge dal consueto Rapporto elaborato dal Centro Studi degli ingegneri sul monitoraggio dei bandi di progettazione nell'ambito dei...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest