PNRR: MASE pubblica avvisi per selezione progetti colonnine di ricarica elettrica

da | 12 Mag 2023 | Meccanica ed efficienza energetica

MASE pubblica nuovi avvisi – rientranti nell’ambito dei finanziamenti europei PNRR- per colonnine di ricarica per veicoli elettrici

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica torna forte sulle colonnine di ricarica per veicoli elettrici, con nuovi avvisi – rientranti nell’ambito dei finanziamenti europei PNRR – dedicati per un investimento totale superiore ai 270 milioni di euro per complessive 6.500 infrastrutture tra superstrade e centri urbani. 

Il perimetro degli Avvisi

Gli avvisi – evidenzia il MASE nella nota ufficiale – sono rivolti alle imprese di qualsiasi dimensione e operanti in tutti i settori o ai raggruppamenti temporanei.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Nello specifico:

  • per la realizzazione delle stazioni di ricarica nelle superstrade sono previsti investimenti per circa 150 milioni di euro,
  • per quelle destinate nelle zone urbane l’ammontare sarà di 127 milioni di euro.

La stima porta all’obiettivo di realizzare 2.500 stazioni di ricarica rapida super veloci per veicoli elettrici lungo le superstrade e 4.000 nelle zone urbane.

Le risorse e gli obiettivi

L’investimento complessivo ammonta a 713 milioni di euro e il target da conseguire al 30 giugno 2026 è installare oltre 21 mila colonnine di ricarica (7500 punti di ricarica rapida in autostrada; 13000 in centri urbani; 100 stazioni di ricarica sperimentali con stoccaggio), con l’obiettivo dichiarato di potenziare l’infrastruttura di ricarica e accelerare la penetrazione dei veicoli elettrici in Italia

Le diverse linee di intervento

L’investimento si compone di tre linee d’intervento:

  • linea A: installazione di stazioni di ricarica rapida per veicoli elettrici in strade extra-urbane da almeno 175 kW;
  • linea B: installazione di stazioni di ricarica rapida per veicoli elettrici in zone urbane da almeno 90 kW;
  • linea C: installazione di stazioni di ricarica pilota con natura sperimentale e stoccaggio di energia.

I Decreti Ministeriali relativi, rispettivamente, alle linee di investimento A e B, che danno attuazione alla misura, sono in corso di finalizzazione.

Per quanto riguarda le linee A e B, le risorse, suddivise per tipologia di installazione (superstrade, centri urbani e infrastrutture abbinate a sistemi di accumulo), sono assegnate attraverso bandi annuali nei quali viene messo a disposizione l’intero contingente previsto per ciascun anno, eventualmente incrementato delle risorse non assegnate nelle precedenti procedure e ripartito sui diversi lotti elencati in un apposito allegato al decreto.

Con riferimento alla linea di investimento C (stazioni di ricarica sperimentale con stoccaggio), invce, le risorse a disposizione sono assegnate in un unico bando nel quale viene messo a disposizione l’intero contingente.

Come inviare le istanze

I progetti devono essere presentati tramite accesso all’apposita piattaforma predisposta dal Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A., entro il prossimo 9 giugno 2023.

Idrogeno hard to abate, via libera dell’Ue

Idrogeno hard to abate, via libera dell’Ue

Ok al regime di aiuti che vale complessivamente 550 milioni di euro “Un passo importante in direzione della transizione”. Con queste parole il ministro dell’ambiente e la sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin ha commentato il via libera della Commissione...

Pubblicità
  • Obo Bettermann
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM
  • Blumatica Impianti Solari
  • banner Automazione ed Efficienza Energetica

Incontro CNEL-ProfessionItaliane su formazione e lavoro in carcere

Rafforzare la collaborazione tra il mondo delle professioni e il CNEL Si è tenuto lo scorso 28 febbraio, presso la sede del CNEL, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, Renato Brunetta, e ProfessionItaliane, l’Associazione che...

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest