PNRR: 225 milioni per migrare dati e servizi al Polo Strategico Nazionale

da | 8 Apr 2024 | Informatica

Il percorso per la trasformazione digitale del Paese Italia prosegue con un investimento da 225 milioni di euro per ‘migrare’ i dati e i servizi delle pubbliche amministrazioni centrali al nuovo Polo Strategico Nazionale

 

Il nuovo Avviso della Misura 1.1 del PNRR offre infatti una solida base per potenziare i sistemi informatici e garantire servizi pubblici più sicuri ai cittadini, promuovendo, appunto, la migrazione in cloud di dati e servizi critici e strategici delle Pubbliche Amministrazioni Centrali (PAC) verso le infrastrutture del Polo Strategico Nazionale (PSN), contribuendo così a rafforzare la resilienza del sistema.

Con una dotazione complessiva di 224,7 milioni di euro, le PA Centrali hanno l’opportunità di aderire entro il 31 maggio 2024.

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Alessio Butti, ha sottolineato l’importanza di questo avviso nel contesto della trasformazione digitale del Paese, offrendo alle PA Centrali la possibilità di migliorare la sicurezza e l’efficienza dei servizi amministrativi attraverso l’utilizzo delle innovative soluzioni tecnologiche del PSN.

Pubblicità
Honeywell CLSS

L’avviso rappresenta anche un’opportunità per i Ministeri e le Agenzie fiscali, nonché per le singole articolazioni organizzative di primo livello di ogni PA Centrale interessata, di aderire al PSN.

Oltre alla migrazione dei servizi, l’avviso finanzia anche il canone per la gestione e l’erogazione di ciascun servizio per i dodici mesi successivi all’attivazione, facilitando così il processo di migrazione.

Chi può aderire

L’Avviso consente la partecipazione delle singole articolazioni organizzative di primo livello di ogni PA Centrale interessata, come Direzioni generali, Dipartimenti o Comandi, a condizione che non siano già state finanziate dal precedente Avviso Pubblico M1C1 Investimento 1.1 PAC Pilota di febbraio 2023.

Anche se l’Amministrazione Centrale di riferimento o altre sue articolazioni hanno partecipato e ricevuto finanziamenti nell’Avviso precedente, queste articolazioni possono comunque essere considerate ammissibili.

 Come partecipare

La domanda di partecipazione deve essere compilata sulla base di quanto indicato nell’Allegato 2 dell’Avviso. Alla domanda devono inoltre essere inclusi:

  • il Piano complessivo della Strategia Cloud del Soggetto attuatore (Allegato A),
  • il Piano di migrazione ai sensi del Regolamento AgID (Allegato B),
  • il Piano di migrazione al PSN (Allegato C).

Per la compilazione, le amministrazioni interessate dovranno seguire le modalità indicate nelle Linee Guida riportate nell’Allegato 1 dell’Avviso. La documentazione dovrà essere trasmessa all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) del Dipartimento dtd.pnrr@pec.governo.it a partire dal 28 marzo 2024 fino alle ore 23:59 del 31 maggio 2024.

La strategia Cloud Italia

In merito, va evidenziato che la Strategia Cloud Italia, sviluppata dal Dipartimento e dall’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (ACN), fornisce un quadro strategico per la migrazione dei dati e dei servizi digitali della Pubblica Amministrazione verso il cloud, con l’obiettivo di coinvolgere il 75% delle PA italiane entro il 2026, in linea con gli obiettivi del PNRR.

Musei civici: online le risorse per realizzare siti web

Musei civici: online le risorse per realizzare siti web

Tra alle novità in materia di innovazione digitale, il nuovo modello per i siti internet dei musei Rappresenta senza dubbio un punto cardine della volontà di ‘digitalizzazione intelligente’ della cultura italiana, perché imprescindibile e non rimandabile, soprattutto...

Pubblicità
Obo Bettermann

La transizione energetica passa dall’Africa

Italia presente alla 9^ Conferenza globale dell’Agenzia internazionale dell’energia Africa come priorità strategica di partnership globale per la transizione energetica. Il Piano Mattei come punto di riferimento, con le azioni congiunte che spaziano da vari settori...

Fondo IPCEI: integrazione di 1 miliardo e 500 mila euro

Integrazione risorse del Fondo IPCEI Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, per sostenere e promuovere la realizzazione di importanti progetti di comune interesse europeo (IPCEI) nelle catene del valore strategiche per l’industria europea, ha disposto,...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest