venerdì, 7 Ottobre 2022
Pubblicità

Pnrr: 119 proposte per interventi di efficienza reti idriche

-

Sono 119 le proposte di interventi per aumentare l’efficienza delle reti idriche ricevute dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili nell’ambito delle opere inserite nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per ridurre le perdite d’acqua e digitalizzare e migliorare il monitoraggio delle reti. È quanto si legge sul sito MIMS che riporta i numeri delle proposte presentate entro il 31 maggio scorso, prima scadenza temporale per i progetti, che saranno finanziate per un importo di 630 milioni di euro. Dati che confermano l’impegno, a ritmo serrato, del Ministero nell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che vede nella tutela e nella valorizzazione delle risorse idriche una delle principali aree di intervento, per potenziare la resilienza dei territori alla crisi climatica, migliorare la qualità della vita delle persone e ridurre le disuguaglianze.

Le 119 proposte pervenute alla prima scadenza superano di gran lunga i 630 milioni di euro messi a bando: ammontano infatti a 2,1 miliardi euro, importo che sale a 2,6 miliardi considerando i cofinanziamenti da parte dei soggetti attuatori. Le regioni interessate sono 17, per un totale di 3.363 comuni. Ma la vera novità e che 28 proposte, per un totale di circa 630 milioni di euro, riguardano interventi da realizzare nelle regioni del Mezzogiorno. In questa fase sarà compito della Commissione di valutazione già istituita, insieme all’Arera (Autorità di Regolazione per Energia reti e Ambiente), eseguire l’istruttoria degli interventi presentati verificando il rispetto dei requisiti previsti nel bando e valutando dal punto di vista tecnico le proposte. Entro luglio, invece, sarà definita e resa disponibile la graduatoria e di conseguenza il Mims procederà al finanziamento degli interventi selezionati fino all’impegno delle risorse disponibili.

Pubblicità

Una seconda finestra per la presentazione di nuovi progetti, per interventi pari a 270 milioni, si chiuderà il prossimo ottobre. I lavori, per complessivi 900 milioni di euro, dovranno essere appaltati entro settembre 2023 e realizzati entro marzo 2026, secondo le tempistiche stabilite dal PNRR.

Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.