martedì, 17 Maggio 2022

Persone e beni al sicuro con i nuovi Scaricatori di Sovratensione SPD

-

Tra le cause principali che provocano guasti a impianti elettrici e dispositivi elettronici, le sovratensioni possono generare anche danni importanti – che vanno dai blackout fino agli incendi – ad abitazioni private, uffici, piccole aziende ed esercizi commerciali. Grazie alla nuova gamma di Scaricatori di Sovratensione SPD di Hager Bocchiotti è possibile, non solo rispondere a tutti i requisiti normativi (IEC 60364-4-44), ma soprattutto salvaguardare le attività e proteggere beni e persone.

Pubblicità

Gli impianti elettrici e i dispositivi elettronici possono essere improvvisamente colpiti da sovratensioni di diversa durata e ampiezza. A seconda della causa, una sovratensione può durare poche centinaia di microsecondi, alcune ore o persino giorni. Questo mette a serio rischio i sistemi elettrici che possono essere danneggiati gravemente rappresentando un pericolo per ambienti e persone.

La nuova gamma di dispositivi SPD Hager Bocchiotti comprende scaricatori combinati di Tipo 1 + Tipo 2, che utilizzano un’avanzata tecnologia a spinterometro e si applicano all’alimentazione dell’impianto elettrico; scaricatori di Tipo 2 per i quadri di distribuzione secondari e, infine, scaricatori di Tipo 3 per la protezione dei dispositivi terminali.

HyperFocal: 0

Installabili in modo semplice e in totale sicurezza, gli Scaricatori di Sovratensione SPD di Hager Bocchiotti consentono l’ottemperanza alla normativa IEC 62305-3 relativa alla “Protezione dalle sovratensioni transitorie dovute a fenomeni atmosferici o a manovre di commutazione”.

Per saperne di più sui nuovi Scaricatori di Sovratensione SPD di Hager Bocchiotti:

 

Hager Bocchiotti S.p.A.

Via dei Valtorta, 45
20127 Milano
Telefono +39 02 70150511

info@hager-bocchiotti.com
Link canale YouTube:  you tube Hager Bocchiotti
Link LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/hager-bocchiotti/

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.