Periti Industriali in campo per la trasformazione digitale del Paese

da | 22 Mag 2023 | In evidenza, Primo piano

Periti Industriali: Firmato il Protocollo con il Dipartimento per la trasformazione digitale per la realizzazione del Piano Italia a 1 Giga

I Periti Industriali scendono in campo per la trasformazione digitale del Paese. E mettono a disposizione i professionisti iscritti all’albo che lo vorranno, “dotati delle comprovate esperienze tecniche necessarie”, per favorire l’avanzamento delle attività del “Piano Italia a 1 Giga”, il Piano del governo per realizzare infrastrutture di rete a banda ultra-larga che garantiscano da qui al 2026, la velocità di trasmissione di almeno 1 Gbit/s sul territorio nazionale.

E’ questo in sintesi l’obiettivo del Protocollo firmato dal Consiglio nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali laureati con il Dipartimento per la trasformazione digitale (DTD) della Presidenza del Consiglio e con le società Infratel Italia, Tim e Open Fiber.

La partnership si concentrerà su diverse aree di collaborazione e impegna innanzitutto il Consiglio nazionale di categoria, con il supporto dei rispettivi ordini territoriali, a istituire appositi elenchi con i nominativi dei professionisti che hanno le competenze adeguate alla materia, suddivisi per base territoriale e che hanno manifestato agli Ordini stessi l’interesse a partecipare alle attività di progettazione e direzione dei lavori dei Soggetti Aggiudicatari.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Gli elenchi comprenderanno tecnici con competenze specifiche nelle attività preliminari, nel supporto per ottenere i permessi, nelle attività di rilievi di campo e infine nella progettazione, direzione dei lavori e sicurezza. Gli Ordini metteranno, quindi a disposizione di chi ne farà richiesta l’elenco dei periti industriali e si impegnano a fornire tali liste anche ai soggetti aggiudicatari delle gare in subconcessione, per il conferimento dei successivi incarichi professionali.

L’accordo prevede anche la costituzione di un Comitato di coordinamento con funzioni tecnico operative e di controllo per esaminare le problematiche sul tema e le conseguenti iniziative da attuare, di volta in volta,  da inserire nei rispettivi programmi di attività e per constatare lo stato di attuazione di quelle già avviate.

“La collaborazione tra pubblico e privato, combinando l’esperienza e la competenza delle professioni tecniche con l’impulso fornito dal Dipartimento per la Trasformazione Digitale” ha commentato Giovanni Esposito Presidente del Consiglio nazionale dei Periti Industriali “sarà fondamentale per guidare questa trasformazione e sfruttare appieno le potenzialità offerte dalle tecnologie digitali. Come categoria siamo da tempo impegnati su questo fronte che rappresenta la vera sfida dell’intero paese in termini di sviluppo economico, di innovazione e di inclusione sociale. Lavoreremo quindi per garantire che l’Italia sia all’avanguardia nella connettività ultraveloce e nello sfruttamento delle opportunità offerte dalla trasformazione digitale. Ringrazio i diversi partner firmatari del Protocollo e naturalmente il capo del Dipartimento DTD Angelo Borrelli”.

Un Def senza spese pazze

Un Def senza spese pazze

Giorgetti alla Camera: Cdm il 9 aprile, possibile procedura di infrazione No a residui di spesa, serve una maggiore programmazione delle spese pubbliche. La fine delle deroghe sul patto di stabilità porterà la Commissione Ue ad aprire una serie di procedure di...

Bando ISI 2023 per la salute e sicurezza delle imprese

Apertura dal 15 aprile sino alle ore 18:00 del 30 maggio 2024 della procedura informatica per la compilazione della domanda, attraverso un percorso guidato, del bando ISI 2023 Inail. Un avviso che, come ogni anno, ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare...

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest