PA più digitale, nel 2022 spesi 7 miliardi in tecnologie

da | 2 Ago 2023 | Informatica

PA più digitale: nel 2022 la pubblica amministrazione italiana ha speso oltre 7 miliardi di euro in Ict (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione), il 5,8% in più rispetto al 2021

Un dato che secondo le stime continuerà a crescere nel prossimo triennio, anche grazie ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.  Le piattaforme e le infrastrutture rappresentano i principali macro-ambiti in termini di spesa, rispettivamente con il 49% e il 20% del totale, seguiti da servizi (14%), dati (8%), sicurezza informatica (4%), governance (3%) e interoperabilità (2%). Questi alcuni dei dati contenuti nei due Report “La spesa ICT nella PA italiana 2022” e “La spesa ICT nella sanità territoriale 2022”, pubblicati oggi dall‘Agenzia per l’Italia Digitale.

Pienamente diffuso è l’uso del cloud: ne fanno ricorso il 100% delle PA locali, il 95% delle Regioni e Province autonome e l’89% delle PA centrali; scende l’uso di nome utente e password a favore delle identità digitali Spid, CIE e CNS. Aumenta l’indice di digitalizzazione complessivo delle PA: è cresciuta la percentuale di amministrazioni appartenenti ai cluster dei Digital leader (12%) e degli Advanced (66%), cala quello delle PA classificate come Digital starter (21%) e Growing (1%).

E nel futuro? Secondo la ricerca gli ambiti principali di investimento che sosterranno la crescita nei prossimi anni saranno innanzitutto quello della cybersecurity, che dovrà essere rafforzato in tutti i comparti della PA; la migrazione verso il cloud che riguarderà gli enti della PA che dovranno attuare la Strategia Cloud Nazionale; le piattaforme dati; l’evoluzione dei servizi online per i cittadini e imprese e dei sistemi di autenticazione e dei pagamenti online e l’identità digitale nazionale unica.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

“I crescenti investimenti ICT nella Pubblica Amministrazione rappresentano il motore trainante dell’innovazione, dell’efficienza e della trasformazione digitale. Stiamo lavorando per promuovere un ambiente favorevole all’innovazione tecnologica, investendo nelle infrastrutture digitali per garantire una connettività rapida e affidabile su tutto il territorio nazionale – dichiara il sottosegretario con delega all’Innovazione tecnologica, Alessio Butti – Se vogliamo migliorare i servizi offerti a cittadini e imprese, la Pubblica Amministrazione italiana deve essere all’avanguardia nell’adozione delle tecnologie digitali. Per questo i nostri sforzi sono volti a rafforzare efficienza, trasparenza e accessibilità, grazie ad un utilizzo intelligente dell’ICT”.

Comuni sempre più in digitale con il Pnrr

Comuni sempre più in digitale con il Pnrr

Quasi 2 mila i comuni integrati sul Servizio notifiche digitali Continua la corsa dei comuni alla digitalizzazione con i fondi del Pnrr. Come comunicato dal dipartimento per l’innovazione e la trasformazione digitale, infatti, sono 1921 gli enti che hanno completato...

Il boom dell’intelligenza artificiale

Il boom dell’intelligenza artificiale

Nel 2023 il valore di mercato cresce del 52% raggiungendo quota 760 milioni di euro L’era dell’intelligenza artificiale è ufficialmente esplosa. Tutti i giorni, ormai, leggiamo su riviste e quotidiani la crescita impetuosa di sistemi di IA, dalla famosa ChatGpt ai...

Crescono gli attacchi cibernetici, ma mancano i profili

Crescono gli attacchi cibernetici, ma mancano i profili

Il sottosegretario Mantovano in audizione alla Camera dei deputati Nel 2023 si sono verificati 1.411 attacchi cibernetici dal “potenziale impatto”, con un significativo incremento rispetto al 2022. L’Agenzia nazionale conterà circa 800 persone, ma ci sono palesi...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest