Obiettivo lavoro: le politiche attive del Cnpi a supporto della professione

da | 21 Set 2021 | Il punto, Notizie

Allargare il mercato del lavoro professionale, rafforzarne i percorsi, certificarne le competenze. La ripresa autunnale ci vede come categoria professionale impegnati su più fronti per sviluppare una serie di iniziative a supporto del lavoro dei nostri colleghi professionisti. D’altronde la fase storica che stiamo vivendo è caratterizzata da una decisa accelerazione dei processi di innovazione tecnologica che stanno impattando profondamente sul sistema economico e sociale. Sono proprio le professioni più a stretto contatto con questo cambiamento come la nostra a cui è richiesto il maggiore sforzo di rinnovamento sia in termini di modalità organizzative che in termini di mercato. In questo contesto come dirigenti di categoria abbiamo avviato e pensato di avviare diverse azioni di supporto al lavoro dei periti industriali per far sì che la professione non solo stia al passo con il cambiamento, ma riesca ad esserne un attore strategico.

Del resto per dare senso all’ambizioso programma di rigenerazione che il Governo vuole portare a compimento, serviranno tecnici preparati chiamati a svolgere tutte quelle attività in cui dovranno concretizzarsi gli investimenti del Piano.

Da questo principio nasce, quindi, l’intesa sottoscritta con Value-Re -società che opera nel settore della valorizzazione di portafogli immobiliari- orientata ad incentivare il lavoro in un settore in grande sviluppo. L’accordo prevede la realizzazione di iniziative congiunte per promuovere l’aggiornamento delle conoscenze e competenze dei periti industriali in ambito di valutazione e di valorizzazione degli immobili anche attraverso l’utilizzo dei bonus fiscali attualmente disponibili. Tra i punti chiave dell’iniziativa, la metodologia utilizzata, la rete dei professionisti iscritti all’albo, indipendenti e qualificati, e una piattaforma per favorire la raccolta e l’elaborazione dei dati fra diverse banche informatiche del settore a supporto del professionista.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Un altro tema oggetto di attenzione è quello delle comunità energetiche, un modello virtuoso nel quale gli utenti tramite la volontaria adesione ad un contratto, collaborano con l’obiettivo di produrre e gestire l’energia attraverso uno o più impianti locali.  In questo senso il progetto, in fase di definizione, realizzato in sinergia con Ancitel prevede un tour di cinque tappe sul territorio nazionale per sensibilizzare le pubbliche amministrazioni sul tema e approfondirne il quadro normativo e i benefici ambientali, economici e sociali derivanti dallo sviluppo di tale modello.

Tra gli strumenti che possono essere messi in campo sempre per il sostegno al lavoro c’è anche Certing, l’Agenzia di certificazione delle competenze. L’obiettivo anche in questo caso è quello di mettere il professionista nelle condizioni di rispondere al meglio alle esigenze del mercato, riconoscendone l’aggiornamento professionale.

CER: in 500 al corso di Formazione Federesco-Gse-Cnpi

CER: in 500 al corso di Formazione Federesco-Gse-Cnpi

CER: il corso su “La nuova disciplina delle comunità energetiche rinnovabili e dell'autoconsumo diffuso" Oltre 500 utenti collegati, tra professionisti del settore e portatori di interesse, con l’obiettivo di approfondire un percorso formativo incentrato sulle CER, le...

Dighe: arriva il nuovo Regolamento

Dighe: arriva il nuovo Regolamento

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.156 del 5 luglio 2024 del decreto n.94 del 14 maggio 2024, l’Italia si dota di un nuovo Regolamento sulle dighe e le traverse. Il provvedimento, in vigore dal 20 luglio, disciplina il procedimento di approvazione dei...

CER: in 500 al corso di Formazione Federesco-Gse-Cnpi

CER: il corso su “La nuova disciplina delle comunità energetiche rinnovabili e dell'autoconsumo diffuso" Oltre 500 utenti collegati, tra professionisti del settore e portatori di interesse, con l’obiettivo di approfondire un percorso formativo incentrato sulle CER, le...

Unem: nel 2030 – 3,8 miliardi di accise con le auto elettriche

I numeri dell’Unem. Tra le ipotesi del governo nuove imposizioni sull’elettrico per il calo delle accise Se al 2030 ci saranno 4 milioni di auto elettriche in circolazione, verranno a mancare 3,8 miliardi di accise, visto il calo di almeno un milione di tonnellate di...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest