Nuovo Decreto Energia è legge: sicurezza, decarbonizzazione, rinnovabili

da | 13 Feb 2024 | Meccanica ed efficienza energetica

La legge 11/2024, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 7 febbraio, ha ufficialmente convertito il Decreto Energia (181/2023) dopo le modifiche apportate in Parlamento da Camera e Senato

Decreto Energia: decarbonizzazione e promozione delle rinnovabili

Il provvedimento include diverse misure mirate alla sicurezza energetica e alla decarbonizzazione, come la gas e l’electricity release per le aziende ad elevato consumo di gas ed energia, iniziative per lo sviluppo delle filiere delle energie rinnovabili, con particolare attenzione alla geotermia e all’eolico off-shore, e interventi per garantire un passaggio informato e senza criticità tecniche alla maggior tutela per i clienti del mercato elettrico.

Il testo – fa sapere il MASE, che ha pubblicato delle slide esplicative sulle misure principali del provvedimento – accelera anche i processi di ricostruzione nelle zone colpite dalle recenti alluvioni e dal sisma in Umbria dello scorso marzo, affrontando inoltre alcune questioni territoriali, tra cui la possibilità di autocandidature per ospitare il Deposito Unico dei rifiuti radioattivi e il rafforzamento dei poteri del Commissario per la Depurazione.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Nuovi incentivi alle aziende energivore per l’installazione di impianti a fonti rinnovabili

In virtù di quanto disposto nel provvedimento, le imprese a forte consumo di energia elettrica (circa 3.800) vengono incentivate a installare impianti a fonti rinnovabili: il GSE potrà, per i primi tre anni, anticipare gli effetti della realizzazione di questi impianti, garantendo energia rinnovabile ad un prezzo in linea con i costi della tecnologia: l’energia anticipata potrà essere restituita nei successivi 20 anni.

Fondo per le energie rinnovabili

Previsto anche un nuovo fondo rivolto a Regioni e Province Autonome per misure di compensazione e riequilibrio ambientale e territoriale a fronte dell’installazione di impianti di rinnovabili in aree idonee.

Eolico off-shore nelle Regioni del Sud

Per lo sviluppo della filiera eolico off-shore, il decreto prevede anche l’individuazione di almeno due aree demaniali marittime del Mezzogiorno rientranti nelle Autorità di Sistema Portuale (o in aree portuali limitrofe in cui si sia in corso l’eliminazione dall’uso del carbone), con i relativi specchi d’acqua: queste saranno destinate alla realizzazione di infrastrutture per lo sviluppo di investimenti nella cantieristica navale per la produzione, l’assemblaggio e il varo di piattaforme galleggianti. 

Condensatori ad aria per le centrali termoelettriche

Infine, si evidenzia che, per il raffreddamento nelle centrali termoelettriche, il DL Energia consente l’installazione di condensatori ad aria in impianti già dotati di quelli ad acqua.

Questi non devono comportare incremento di potenza elettrica ed essere utilizzati su superfici delle centrali esistenti: soddisfatte queste prescrizioni, la modifica è ritenuta “non sostanziale”. Questa norma va quindi nella direzione del risparmio idrico.

Le comunità energetiche

Il MASE sottolinea che nella stessa Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato l’avviso della pubblicazione sul portale del Ministero di un decreto che favorisce la realizzazione delle Comunità Energetiche Rinnovabili.

Il decreto adotta una doppia strategia, combinando una tariffa incentivante su tutto il territorio nazionale e un contributo a fondo perduto dedicato alle iniziative nei comuni con meno di 5000 abitanti.

Pichetto: queste norme sono volano per investimenti

Il Ministro Gilberto Pichetto esprime la focalizzazione su implementare queste norme, sottolineando il loro potenziale nell’attivare ingenti investimenti e nel modificare le prospettive energetiche del Paese, in linea con gli obiettivi dichiarati in ambito continentale e internazionale.

Idrogeno hard to abate, via libera dell’Ue

Idrogeno hard to abate, via libera dell’Ue

Ok al regime di aiuti che vale complessivamente 550 milioni di euro “Un passo importante in direzione della transizione”. Con queste parole il ministro dell’ambiente e la sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin ha commentato il via libera della Commissione...

Pubblicità
  • Obo Bettermann
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM
  • Blumatica Impianti Solari
  • banner Automazione ed Efficienza Energetica

Incontro CNEL-ProfessionItaliane su formazione e lavoro in carcere

Rafforzare la collaborazione tra il mondo delle professioni e il CNEL Si è tenuto lo scorso 28 febbraio, presso la sede del CNEL, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, Renato Brunetta, e ProfessionItaliane, l’Associazione che...

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest