Un nuovo rinvio per le norme antincendio negli istituti scolastici

da | 12 Gen 2023 | Tutela e sicurezza

Per le scuole c’è tempo fino al 31 dicembre 2023, un anno in più per gli asili nido

Ancora una proroga per l’adeguamento antincendio di scuole e asili nido. Le prime avranno un altro anno di tempo (fino al 31 dicembre 2023), i secondi invece due (31 dicembre 2024). È quanto prevede il decreto Milleproroghe (dl 198/2022), che proprio sul filo di lana ha spostato in avanti la scadenza per gli edifici scolastici, che era fissata al 31 dicembre dello scorso anno. Il decreto va a modificare il dl 244/2016, un altro decreto Milleproroghe, che aveva spostato al 31 dicembre 2022 l’adeguamento degli edifici sempre in tema di normativa antincendio.
Le scuole, quindi, dovranno adeguarsi entro la fine di quest’anno, mentre gli asili nido potranno arrivare fino al 31 dicembre 2024. Ma, come anticipato, si tratta solo dell’ennesima proroga effettuata anno per anno dal 2016, quindi si può ipotizzare che queste non saranno le scadenze definitive. Il problema principale è, ovviamente, la mancanza di fondi: vengono stimate in circa 200 miliardi le risorse necessarie per adeguare gli istituti scolastici in materia di sicurezza e in oltre 9 scuole su 10 sono state riscontrate delle criticità.
Le norme classificano gli istituti in cinque tipologie differenti, ognuna con un certo numero di studenti (l’ultima parla di edifici con più di 1200 persone).

Caratteristiche degli edifici

Vengono indicate le caratteristiche che devono avere gli accessi all’edificio, ovvero una larghezza di 3,5 metri, un’altezza libera di 4 m, un raggio di volta di 13 m, una pendenza non superiore al 10% e una resistenza al carico di almeno 2 tonnellate. Per quanto riguarda i locali posti a un’altezza superiore ai 12 metri, è necessario che si possa accostare un’autoscala dei vigili del fuoco almeno a una finestra o a un balcone di ogni piano. Nel caso in cui questi requisiti non possano essere rispettati, gli edifici alti fino a 24 metri devono essere dotati di scale protette, mentre le strutture più alte di scale a prova di fumo.

Molte le indicazioni presenti, tra cui anche il sistema delle vie di uscita, che devono essere almeno 2 indirizzate verso un luogo sicuro oppure quello degli impianti elettrici, per cui l’intero plesso scolastico deve essere conforme alla disposizione della legge 186/1968

Pubblicità
Inail: più infortuni ma meno morti sul lavoro

Inail: più infortuni ma meno morti sul lavoro

I dati Inail sui primi dieci mesi del 2022. Ancora presente l’effetto Covid In crescita, anche in maniera consistente (+ 32,9%) gli infortuni sul lavoro ma calano (- 10,6%) quelli che hanno portato al decesso. Questo il titolo principale del report pubblicato...

Inail e Artes: nuovo bando BIT

Inail e Artes: nuovo bando BIT

Bando BIT: arrivano 2 milioni di euro per progetti di ricerca in salute e sicurezza sul lavoro L’INAIL e il centro ARTES 4.0 hanno lanciato un nuovo bando, rivolto a start-up, microimprese, PMI e grandi imprese, con 2 milioni di euro sul piatto per la realizzazione di...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Robot e automazione volano in Italia

Il settore è cresciuto del 14,6% lo scorso anno, con prospettive più che positive anche per il 2023 Vola l’industria italiana di macchine utensili, robot e automazione. Dopo un 2021 già positivo, nel 2022 si sono registrati incrementi in doppia cifra, con prospettive...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest