Nasce il polo dei microchip italiano

da | 12 Gen 2023 | Design

In legge di bilancio la nascita della Fondazione. Stanziati oltre 200 milioni di euro

L’Italia avrà un suo centro nazionale per i microchip.

O meglio, “Centro italiano per il design dei circuiti a semiconduttore”, come viene chiamato in legge di bilancio (legge 197/22). L’ultima manovra, infatti, istituisce una Fondazione con questo nome, con l’obiettivo di “promuovere la progettazione e lo sviluppo di circuiti integrati, rafforzare il sistema della formazione professionale nel campo della microelettronica e assicurare la costituzione di una rete di università, centri di ricerca e imprese che favorisca l’innovazione e il trasferimento tecnologico nel settore”. Con un investimento di quasi 200 milioni di euro.

Un nuovo istituto, quindi, che cercherà di implementare la strategia italiana di sviluppo tecnologico-digitale, fatta di molti progetti in partenza. I membri della Fondazione saranno il Mef, il ministero del made in Italy e il ministero dell’università. Con decreto del Mef verranno definiti poi ulteriori dettagli, come l’atto costitutivo e lo statuto della fondazione, la nomina degli organi sociali e i loro compensi e i criteri e le modalità di adesione di altri enti pubblici e soggetti privati alla fondazione.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Al Centro potranno essere concessi in comodato gratuito beni immobili facenti parte del demanio e del patrimonio disponibile e indisponibile dello Stato. Inoltre, per lo svolgimento dei propri compiti, l’ente potrà avvalersi di personale, anche di livello dirigenziale “a tale scopo messo a disposizione su richiesta, secondo le norme previste dai rispettivi ordinamenti, da enti e da altri soggetti individuati ai sensi dell’articolo 1, comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n. 196”. La fondazione potrà avvalersi anche della collaborazione di esperti e di società di consulenza nazionali ed estere, o di università e di istituti di ricerca.

Per la costituzione della Fondazione è previsto, come detto, un investimento di centinaia di milioni di euro. Per l’esattezza, di 10 milioni per il 2023 e di 25 milioni per ciascuno degli anni dal 2024 al 2030. Per il suo funzionamento, inoltre, è autorizzata una spesa di 5 milioni di euro all’anno a partire dal 2023.
La legge di bilancio non offre ulteriori dettagli su compiti e attività del nuovo ente, che saranno poi definiti con i decreti ministeriali di cui si parlava sopra. Di certo, l’investimento economico non è indifferente e le risorse sono già pronte per essere spese.

Ultimi giorni per il Seoul design award

Ultimi giorni per il Seoul design award

Le domande potranno essere inviate entro il prossimo 28 maggio Il Seoul design award scalda i motori. La manifestazione internazionale nata del 2018 si appresta a vivere la sua edizione 2024, con la premiazione che è attesa per ottobre. Dall’inizio di maggio sono...

L’eterno successo del Salone del Mobile

L’eterno successo del Salone del Mobile

Numeri da record per la manifestazione, sempre più punto di riferimento del design mondiale Il Salone del Mobile si conferma. Anzi, continua a crescere. Numeri da record per la manifestazione milanese, che si è chiusa lo scorso 21 aprile. Oltre 1.950 gli espositori...

Italia ancora regina europea del settore design

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

In arrivo il pacchetto Ue su disegni e modelli

In arrivo il pacchetto Ue su disegni e modelli

Al Parlamento europeo il voto per un settore che vale il 16% del Pil comunitario Due proposte per il “pacchetto su disegni e modelli”, finalizzate ad avere più garanzie di protezione e di tutela per un settore che vale il 16% del Pil europeo. Il Parlamento Ue si...

La transizione energetica passa dall’Africa

Italia presente alla 9^ Conferenza globale dell’Agenzia internazionale dell’energia Africa come priorità strategica di partnership globale per la transizione energetica. Il Piano Mattei come punto di riferimento, con le azioni congiunte che spaziano da vari settori...

Fondo IPCEI: integrazione di 1 miliardo e 500 mila euro

Integrazione risorse del Fondo IPCEI Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, per sostenere e promuovere la realizzazione di importanti progetti di comune interesse europeo (IPCEI) nelle catene del valore strategiche per l’industria europea, ha disposto,...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest