Pubblicità
  • Leadeboard INIM
  • Certifico 4.0

Nuovi criteri ambientali minimi per progettazione parchi, arredi per esterni, prodotti tessili

da | 29 Mar 2023 | Ambiente, cave e miniere, Notizie

MASE: pubblicati due decreti sui criteri ambientali minimi (CAM) 

Recentemente, sono stati pubblicati due decreti del MASE sui criteri ambientali minimi (CAM) che, come da definizione ministeriale ufficiale, sono i “requisiti ambientali definiti per le varie fasi del processo di acquisto, volti a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita, tenuto conto della disponibilità di mercato”.

CAM progettazione parchi giochi e arredo urbano

Il primo decreto del 7 febbraio 2023, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.69 del 22 marzo, ai sensi e per gli effetti dell’art. 34 del decreto legislativo 50/2016 (Codice degli Appalti) adotta i criteri ambientali minimi, di cui all’allegato al provvedimento, per:

Pubblicità
Honeywell Notifier Variodyn
  • l’affidamento del servizio di progettazione di parchi giochi;
  • la fornitura e la posa in opera di prodotti per l’arredo urbano e di arredi per gli esterni;
  • l’affidamento del servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria di prodotti per l’arredo urbano e di arredi per esterni.

Il decreto entra in vigore dopo 120 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e abroga – dal giorno dell’entrata in vigore – il decreto del Ministro dell’Ambiente del 5 febbraio 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 50 del giorno 2 marzo 2015.

CAM forniture ed il noleggio di prodotti tessili

Un altro decreto del 7 febbraio 2023, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.70 del 23 marzo, ha invece adottato i criteri ambientali minimi di cui all’allegato 1 e relative appendici, per i seguenti servizi e forniture:

  • prodotti tessili;
  • servizio integrato di ritiro, restyling e finissaggio dei prodotti tessili.

Vale la pena specificare che:

  • per prodotti tessili si intendono: abbigliamento e accessori composti per almeno l’80 % in peso da fibre tessili; prodotti tessili per uso in ambienti interni, composti per almeno l’80% in peso da fibre tessili; stoffe ed altri articoli tessili composti per almeno l’80% in peso da fibre tessili destinati all’uso in ambienti esterni;
  • per servizio integrato di ritiro, restyling e finissaggio dei prodotti tessili si intende: attività di ritiro degli articoli della stazione appaltante o acquistati dalla stazione appaltante usati; la relativa trasformazione per mezzo di tutti o parte dei seguenti processi: modifica del taglio, nobilitazione, finitura, aggiunta di eventuali componenti nuovi, confezionamento; la successiva consegna degli articoli rinnovati.

Questo provvedimento entra in vigore 60 giorni dopo la pubblicazione in GU e abroga il precedente DM 30 giugno 2021.

CAM: guida pratica

Come spiegato dal MITE (oggi MASE) nella pagina istituzionale dedicata ai criteri ambientali minimi, i CAM sono definiti nell’ambito di quanto stabilito dal Piano per la sostenibilità ambientale dei consumi del settore della pubblica amministrazione e sono adottati con decreto ministeriale ad hoc.

La loro applicazione sistematica ed omogenea consente di diffondere le tecnologie ambientali e i prodotti ambientalmente preferibili e produce un effetto leva sul mercato, inducendo gli operatori economici meno virtuosi ad adeguarsi alle nuove richieste della pubblica amministrazione.

In Italia, l’efficacia dei CAM è stata assicurata grazie all’art. 18 della L. 221/2015 e, successivamente, all’art. 34 recante “Criteri di sostenibilità energetica e ambientale” del Codice Appalti che ne hanno reso obbligatoria l’applicazione da parte di tutte le stazioni appaltanti.

Oltre alla valorizzazione della qualità ambientale e al rispetto dei criteri sociali, l’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi risponde anche all’esigenza della PA di razionalizzare i propri consumi, riducendone ove possibile la spesa.

Attualmente, sono stati adottati CAM per 18 categorie di forniture ed affidamenti.

Per il dissesto idrogeologico servono oltre 26 miliardi

Per il dissesto idrogeologico servono oltre 26 miliardi

I numeri nel report del Consiglio nazionale ingegneri. Negli ultimi 20 anni spesi 6,6 miliardi La lotta al dissesto idrogeologico presenta un conto salato, visto che servirebbero oltre 26 miliardi di euro per finanziare gli interventi necessari. Negli ultimi vent’anni...

Per il dissesto idrogeologico servono oltre 26 miliardi

I numeri nel report del Consiglio nazionale ingegneri. Negli ultimi 20 anni spesi 6,6 miliardi La lotta al dissesto idrogeologico presenta un conto salato, visto che servirebbero oltre 26 miliardi di euro per finanziare gli interventi necessari. Negli ultimi vent’anni...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest