L’università di Cagliari presenta il nuovo corso di studi in “Tecniche per l’edilizia e il territorio”

da | 3 Nov 2021 | Notizie, Voci dal territorio

Partirà nell’anno accademico 2022-23 il nuovo corso di laurea professionalizzante in tecniche per l’edilizia e territorio dell’università degli studi di Cagliari. Si tratta del primo corso nato ufficialmente all’indomani dell’approvazione definitiva del Disegno di legge Manfredi che introduce “nuove disposizioni in materia di titoli universitari abilitanti” (afferente alla nuova classe di laurea LP01 definita dallo stesso ddl).

Il corso promosso dal comitato del Dicaar (dipartimento Ingegneria civile, ambientale e architettura) è stato presentato lo scorso 2 novembre da Carlo Atzeni, docente e Presidente del Comitato Promotore DICAAR, dal prorettore vicario, Gianni Fenu, dai prorettori alla Didattica, Ignazio Putzu, e all’Innovazione e territorio, Fabrizio Pilo, dal direttore del Dicaar, Giorgio Massacci, dal presidente della facoltà di Ingegneria e architettura, Daniele Cocco, dal presidente del Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati Giovanni Esposito, e da quello dell’ordine dei periti industriali di Cagliari Pasquale Aru.

Professioni tecniche per l’edilizia e il territorio è un corso di laurea specifico per la professione del perito industriale edile laureato, fortemente orientato all’ingresso nel mondo del lavoro e pienamente rispondente al requisito della formazione universitaria di alto livello. Il percorso formativo comprende, oltre ad attività teoriche e applicative nei primi due anni, un tirocinio formativo presso aziende, enti pubblici e privati con competenze in ambito tecnico, imprese di costruzione, società di ingegneria e studi professionali operanti nel settore che sarà svolto al terzo anno di corso.

Pubblicità

L’istituzione del corso di laurea rientra nel percorso di attenzione, condivisione e inclusione dell’ateneo rispetto alle esigenze del territorio, del mondo del lavoro e delle professioni. La cosiddetta Terza missione mette al centro anche la formazione avanzata, innovativa e modellata sulle esigenze del contesto territoriale. I rappresentanti dei periti industriali hanno ricordato il lavoro fatto dalla categoria per la nascita dei percorsi di laurea professionalizzanti, costruiti a misura di professione e orientati a sostenerne l’ingresso nel mondo del lavoro. Del resto il principio chiave delle lauree professionalizzanti, sul quale la categoria ha scommesso sin da subito, è proprio quello di rappresentare quel canale terziario che in Italia ancora mancava, una vera rivoluzione per formare i profili tecnici che serviranno al Paese per vincere la sfida di ripresa e resilienza.

Credits immagini: https://www.unica.it/unica/it/news_notizie_s1.page?contentId=NTZ346846 

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest