Stop ai cibi sintetici in Italia

da | 29 Mar 2023 | Prevenzione e igiene ambientale

Cibi sintetici: Lollobrigida “prima nazione a dire di no”. Meloni “a tutela delle famiglie e contro le discriminazioni”

“L’Italia è la prima nazione che dice no al cibo sintetico e lo fa con un atto formale e ufficiale. Crediamo sia un risultato importante, che raccoglie l’appello di quasi 2.000 amministrazioni comunali”. Sono le parole del ministro dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste Francesco Lollobrigida, che ha parlato il 28 marzo in conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri che, oltre al decreto Bollette, ha dato l’ok al provvedimento che dispone, appunto, il “divieto di produzione e di immissione sul mercato di alimenti e mangimi sintetici”.

Il divieto si traduce in multe e sanzioni: in particolare, per la violazione delle norme sono previste sanzioni pecuniarie da un minimo di 10.000 euro a un massimo di 60.000, ovvero “ovvero fino al 10 per cento del fatturato totale annuo, con l’indicazione comunque di un tetto massimo, oltre alla confisca del prodotto illecito”, come si legge nel comunicato stampa diffuso dopo il Consiglio dei ministri. Vengono poi definite altre sanzioni che intervengono sulla “possibilità di svolgere attività di impresa, inibendo l’accesso a contributi, finanziamenti o agevolazioni erogati da parte dello Stato, da altri enti pubblici o dall’Unione europea, per un periodo da uno a tre anni”. Il divieto è quello di produzione e commercializzazione di alimenti sintetici, sia per quelli destinati al consumo umano dia quelli per i mangimi animali.

“Noi”, ha spiegato ancora il ministro Lollobrigida, “guardiamo alla tutela della nostra collettività e abbiamo ragionato affrontando il tema della qualità. Prodotti di laboratorio, a nostro avviso, non garantiscono qualità e benessere”.

Pubblicità
Honeywell CLSS

L’argomento è stato commentato anche dalla premier Giorgia Meloni, che è intervenuta al flash mob di Coldiretti davanti a palazzo Chigi: “non potevamo che festeggiare con i nostri agricoltori un provvedimento che pone l’Italia in una avanguardia, non solo per la tutela dell’eccellenza ma anche sul tema della difesa dei consumatori e della certezza di ciò che si consuma, anche per evitare il rischio che alcune scelte domani si possano tradurre in una discriminazione, tra chi può avere di più e chi può avere di meno”. Coldiretti è stata una delle realtà maggiormente critiche verso questi alimenti ed ha accolto con favore, quindi, il decreto legge approvato dal governo.

Crescono le ispezioni sul lavoro

Crescono le ispezioni sul lavoro

Calderone: dalle nuove norme il 40% di controlli in più nel 2024, crescono le ispezioni  Tra il 2023 e il 2024, grazie al nuovo personale assunto, le ispezioni sul lavoro cresceranno del 40%, anche se l’obiettivo è di raddoppiarle. No alle ironie sulla patente, si può...

Pubblicità
  • Obo Bettermann
  • Box Opificiumagazine IC INTRACOM
  • box inim

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest