Legge di Bilancio: “ritocchi” in vista

da | 5 Dic 2022 | In evidenza, Primo piano

Lavori Parlamentari sul testo: dai pagamenti col Pos alla proroga sul Superbonus 110%

Manovra economica con (ulteriori) correzioni all’orizzonte, nell’imminenza dell’avvio, da questa settimana, dei lavori parlamentari sul testo: è pronta ad esservi inserita, infatti, una nuova riduzione della soglia ipotizzata di 60 euro, oltre la quale è obbligatorio per commercianti, aziende e professionisti accettare i pagamenti da parte della loro clientela con carte e bancomat (attraverso il cosiddetto Pos). È, poi, vicino pure un «restyling» su Superbonus 110% per l’efficientamento in edilizia, visto che il ministero dell’Economia e delle Finanze (come preannunciato negli scorsi giorni, tra gli altri, dal viceministro Maurizio Leo) avrebbe intenzione di non rimanere sordo al «tam tam» che si sta levando da tempo, all’interno della stessa maggioranza di centrodestra che appoggia il governo di Giorgia Meloni, accettando nel decreto Aiuti «quater» di spostare dal 25 novembre al 31 dicembre il termine per la Cilas (il titolo abilitativo che era stato introdotto dal decreto Semplificazioni bis, con la finalità di rendere più snelle le procedure burocratiche riguardanti le attività nel campo delle costruzioni, nel quadro delle agevolazioni previste dall’incentivo, ndr) e valutando soluzioni, seppure i margini appaiono molto stretti, per sbloccare i crediti di imposta.

Nel frattempo, l’Esecutivo è alla finestra, per conoscere quale sarà il giudizio complessivo sulla manovra economica da parte della Commissione europea, atteso a stretto giro; al momento, inoltre, fra Roma e Bruxelles continua a tenersi un dialogo assai serrato sullo stato di avanzamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). «È un dato incontrovertibile che dei 55 obiettivi da centrare entro fine anno a noi ne sono stati lasciati 30», sono state le parole di Meloni, che ha subito precisato di non voler far polemica con il predecessore Mario Draghi, il cui governo ha interrotto la sua corsa prematuramente, alla fine dello scorso mese di luglio.

Nel frattempo, questa mattina, il capo del servizio Struttura economica del Dipartimento Economia e Statistica della Banca d’Italia Fabrizio Balassone, che è stato in audizione nelle commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato proprio sulla Legge di Bilancio, ha espresso una serie di valutazioni che potrebbero incidere sulle modifiche immaginate sul provvedimento: «Le disposizioni in materia di pagamenti in contante e l’introduzione di istituti che riducono l’onere tributario per i contribuenti non in regola rischiano di entrare in contrasto con la spinta alla modernizzazione del paese che anima il Pnrr, e con l’esigenza di continuare a ridurre l’evasione fiscale», ha spiegato ai parlamentari. E, con riferimento al quadro generale, l’esponente dell’Istituto di via Nazionale ha affermato come «in questo difficile contesto la congiuntura nel Paese ha mostrato per il momento una sostanziale tenuta. Gli indicatori più recenti puntano però a un indebolimento dell’attività per il trimestre in corso, in cui è proseguito il rialzo dell’inflazione», avvertendo che il nostro è uno scenario nazionale «caratterizzato da rischi di natura estrema», laddove «le proiezioni economiche costituiscono un riferimento solo indicativo e che sviluppi drasticamente meno favorevoli di quelli prefigurati potrebbero realizzarsi, a fronte di mutamenti repentini e imponderabili del contesto esterno», ha concluso.

Pubblicità
Honeywell CLSS
Abuso d’ufficio «in soffitta»

Abuso d’ufficio «in soffitta»

Stop a intercettazioni non essenziali: è legge il testo di Carlo Nordio Un «restyling» di alcune norme (fra cui quelle che riguardano il reato di traffico di influenze) e l’abolizione dell’articolo 323 del codice di procedura penale che disciplinava l’abuso d’ufficio:...

Tagliare il debito, ma senza lacrime e sangue

Tagliare il debito, ma senza lacrime e sangue

Il ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti sulla prossima manovra all’assemblea Abi La prossima manovra non sarà lacrime e sangue, anche se l’obiettivo primario del governo è quello di uscire dalla spirale del debito monstre. Il taglio del cuneo fiscale è servito...

CER: in 500 al corso di Formazione Federesco-Gse-Cnpi

CER: il corso su “La nuova disciplina delle comunità energetiche rinnovabili e dell'autoconsumo diffuso" Oltre 500 utenti collegati, tra professionisti del settore e portatori di interesse, con l’obiettivo di approfondire un percorso formativo incentrato sulle CER, le...

Unem: nel 2030 – 3,8 miliardi di accise con le auto elettriche

I numeri dell’Unem. Tra le ipotesi del governo nuove imposizioni sull’elettrico per il calo delle accise Se al 2030 ci saranno 4 milioni di auto elettriche in circolazione, verranno a mancare 3,8 miliardi di accise, visto il calo di almeno un milione di tonnellate di...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest