La manovra economica per il 2022 è legge, via al «restyling» del Superbonus

da | 30 Dic 2021 | In evidenza, Notizie

La Legge di Bilancio per il 2022 stacca il traguardo dell’Aula della Camera dei
deputati e, con esso, entrano nell’ordinamento diverse novità che interessano il mondo
delle libere professioni e in particolare di quelle dell’area tecnica, a partire dai periti
industriali. Il primo «restyling» di rilievo, che impatterà notevolmente sull’attività lavorativa
della categoria, riguarda il Superbonus 110%: è, oramai, definitivo che è «saltato» il
«tetto» Isee per godere dell’agevolazione per le villette, e basterà aver completato il 30%
dei lavori entro giugno per usufruire della proroga fino a fine 2022. Per il prossimo anno,
poi, ci sarà anche un bonus del 75% per abbattere le barriere architettoniche, mentre
verranno equiparati i lavori trainanti e trainati, compresi quelli per il fotovoltaico, e prorogati a tutto il 2025 gli interventi nelle aree colpite dal sisma. Per tutti gli incentivi in edilizia si prevede che restino sconto in fattura e cessione del credito; intanto, è stato confermato il bonus mobili, con una soglia per ottenerlo riveduta a 10.000 euro ed è stato prorogato il bonus idrico, mentre è stato «tagliato» il bonus facciate dal 90% al 60%.

Molte, a seguire, le norme che appaiono rispettose dell’ambiente, in manovra, dal
fondo per accompagnare le imprese nella transizione, alla garanzia per gli investimenti
green al nuovo Fondo italiano per il clima. E non mancano risorse per la lotta agli incendi,
per il riassetto dei corsi d’acqua e per il potenziamento dei centri di riutilizzo. Il «Fondo per
la strategia di mobilità sostenibile» servirà al rinnovo del parco autobus, per i treni a
idrogeno, per i carburanti puliti e per le metro di Genova, Milano, Napoli, Roma e Torino.

Per le famiglie italiane arriva una boccata d’ossigeno, temporanea, sulle bollette da
gennaio ad aprile, che potranno essere spalmate in 10 rate: nel primo trimestre verranno
annullati gli oneri di sistema per le utenze della luce fino a 16kwh. Inoltre, con la Legge di
Bilancio, andrà giù al 5% l’Iva sul gas, e saranno tagliati gli oneri di sistema.

Pubblicità

Novità pure sul versante tributario: la nuova Irpef sarà a 4 aliquote (23%, 25%,
35%, 43%), e vengono riscritte anche le detrazioni, con una clausola salva-bonus 100
euro per i redditi bassi. E, poi, c’è la cancellazione dell’Irap per 835.000 lavoratori
autonomi. Con il varo della manovra, infine, sarà legge la sospensione della «decorrenza
dei termini relativi ad adempimenti tributari a carico del professionista in caso di malattia, o
infortunio». La modifica prevede che, «in caso di ricovero del libero professionista in
ospedale per grave malattia, o infortunio, o intervento chirurgico, ovvero in caso di cure
domiciliari, se sostitutive del ricovero ospedaliero, che comportano una inabilità
temporanea all’esercizio dell’attività professionale, nessuna responsabilità è imputata al
libero professionista, o al suo cliente, a causa della scadenza di un termine tributario
stabilito in favore della Pubblica amministrazione» per lo svolgimento di una prestazione a
carico del cliente «da eseguire da parte del libero professionista nei 60 giorni successivi al
verificarsi dell’evento». E le scadenze saranno congelate a decorrere «dal giorno del
ricovero in ospedale, o dal giorno dell’inizio delle cure domiciliari fino a 30 giorni dopo la
dimissione dalla struttura sanitaria, o la conclusione delle cure» presso il domicilio,
specificando che la norma vale per periodi di degenza ospedaliera, o di cure domiciliari
della durata di «più di tre giorni».

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest