In Europa importazioni Gnl russo a livelli record

da | 30 Ago 2023 | In evidenza

Comunità energetiche 2023

Dati superiori al periodo pre-invasione dell’Ucraina. Italia in azione, con il RepowerEu che entra nel Pnrr

Tanto l’Italia quanto l’Europa sono impegnate da due anni abbondanti a ridurre la dipendenza energetica dalla Russia.

I numeri, in parte, risultano positivi, anche grazie ai progetti lanciati dalle istituzioni, come per esempio l’ampio programma comunitario “RepowerEu”. Un programma che è entrato prepotentemente nell’agenda del Pnrr italiano, visto che la ridefinizione degli obiettivi completata alla fine di luglio ha portato gli elementi di RepoweEu direttamente dentro al Piano nazionale italiano. Ciò nonostante, la Russia continua ad avere un peso decisivo nell’approvvigionamento europeo; come riportato dalla Ong Global Witness, infatti, quest’anno l’Unione Europea importerà volumi record di Gnl dalla Russia.

Nei primi sette mesi del 2023, Belgio e Spagna sono stati il secondo e il terzo Paese maggior acquirente di Gnl e, nel complesso, le importazioni Ue di gas super-refrigerato sono aumentate del 40% tra gennaio e luglio di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2021, prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Pubblicità
Honeywell CLSS

“È scioccante che i Paesi Ue abbiano lavorato così duramente per liberarsi dal gas fossile russo solo per sostituirlo con l’equivalente spedito”, le parole di Jonathan Noronha-Gant, attivista senior per i combustibili fossili di Global Witness. “Non importa se proviene da un oleodotto o da una nave, significa comunque che le aziende europee stanno inviando miliardi al fondo di Putin per la guerra”. Come riporta ancora l’analisi della Ong, la maggior parte dei volumi russi provengono dalla joint-venture Yamal Lng, di cui la maggioranza è posseduta dalla società russa Novatek. Altre partecipazioni sono detenute dalla francese TotalEnergies, dalla cinese Cnpc e da un fondo statale cinese.

Una situazione ancora complessa, quindi, che però non sta fermando l’azione dei governi europei, impegnati per garantire ai propri paesi una maggiore indipendenza energetica, anche grazie ai fondi messi in campo dall’Ue. Come detto, uno dei passaggi più importanti avvenuti in Italia in questo senso è l’inserimento degli obiettivi del RepowerEu all’interno del Pnrr. Si tratta di tre linee di investimenti e sei riforme, dedicati rispettivamente a: la sicurezza energetica, il miglioramento e il rafforzamento delle reti dell’energia, l’aumento della produzione da fonti rinnovabili, le misure ed incentivi per la decarbonizzazione delle imprese, nonché le misure per sostenere le filiere produttive legate all’energia.

Italia ancora regina europea del settore design

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest