Il mercato del digitale continua la sua corsa

da | 6 Lug 2023 | Informatica

Nel 2022 settore in crescita del 2,4%. Valore complessivo a quota 77,1 miliardi.Il mercato digitale continua la sua lunga corsa, trainato dai servizi Ict

Nel 2022, infatti, il settore ha registrato una crescita del 2,4%, raggiungendo un valore complessivo di 77,1 miliardi di euro.

Bene anche il segmento dei contenuti e delle pubblicità digitali, che ha registrato un +6,3% rispetto al 2021, attestandosi a quota 14,5 miliardi di euro. E la corsa non si fermerà, visto che nel 2023 si stima un aumento del 3,1% e nel 2024 del 4,3%. Sono solo alcuni dei numeri presenti nella relazione annuale sull’andamento del digitale in Italia, condotta da Anitec-Assinform in collaborazione con NetConsulting presentata a Roma il 4 luglio. Anitec-Assinform è l’associazione di Confindustria che raggruppa le principali aziende dell’Ict.

La crescita, come detto, è spinta dai servizi Ict (+ 8,5% per un valore di 14,8 miliardi di euro), in particolare per quanto riguarda servizi di cloud computing e di cybersecurity. Dopo la pubblicità, a registrare buoni trend di sviluppo è il comparto dei software e delle soluzioni Ict (+ 6,2%, 8,6 miliardi di euro di valore), mentre il mercato “dispositivi e sistemi” ha evidenziato “una netta inversione di tendenza dopo la crescita consistente registrata nel 2021”. Infatti, nel corso del 2022 ha subito un calo dell’1%. È infine proseguito il trend negativo dei servizi di rete Tlc (-2,7%).

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Il report analizza anche gli investimenti realizzati dalle imprese e dall’analisi emerge, come immaginabile, che le più piccole non riescono a tenere il passo delle più grandi. “Nel 2022 c’è stato un incremento del 2,5% per le piccole imprese, del 4,1% per le medie e del 5,9% per le grandi, a conferma della correlazione tra dimensioni aziendali e spesa digitale: più i contesti organizzativi aumentano di dimensioni, maggiore è la spesa destinata alla digitalizzazione”, si legge nella ricerca. L’analisi geografica del mercato digitale italiano identifica invece nelle regioni del nord ovest e del centro le aree caratterizzate da una maggiore capacità di spesa in tecnologia, rappresentando quasi il 62% della spesa complessiva.

A livello nazionale, quindi, nel 2023 il mercato del digitale è previsto ancora in crescita (+3,1%). Le stime relative ai tre anni successivi (2024-2025-2026) sono orientate a una crescita ancora più sostenuta e si basano sull’ipotesi di un minore impatto dell’inflazione e su un maggiore impiego delle risorse economiche messe a disposizione dal Pnrr per la digitalizzazione. Si prevede pertanto una crescita media annua del mercato digitale nel periodo 2022-2026 del 4,5%, fino a raggiungere quasi i 92 miliardi di euro nel 2026.

Una crescita sostenuta, perciò, per un settore che presenta comunque una serie di problematiche, almeno sentendo le parole di Marco Gay, presidente Anitec-Assinform: “se la tendenza positiva del mercato digitale è chiara permangono tuttavia criticità, primi fra tutti la carenza di competenze digitali e l’eterogeneità nella diffusione delle tecnologie tra classi dimensionali di impresa e tra territori”.

Sicurezza ICT in Italia: pubblicato il Rapporto Clusit 2024

Sicurezza ICT in Italia: pubblicato il Rapporto Clusit 2024

L’Associazione Clusit ha pubblicato il Rapporto 2024 (dati riferiti all’anno 2023) sulla sicurezza ICT in Italia, un documento che evidenzia come ci sia stato un netto peggioramento rispetto ai dati registrati un anno prima (2022). Va prima di tutto sottolineato che i...

Pubblicità
Obo Bettermann

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest