Il caro energia frena il settore della chimica

da | 25 Ott 2022 | Chimica

Il caro prezzi si abbatte sulla chimica

Il settore è infatti in discesa, visto che nel secondo semestre è previsto un calo della produzione dell’8%, che porterebbe a una diminuzione complessiva nell’anno del 4%. Nei primi sei mesi del 2022, infatti, il settore aveva retto, con un aumento del 4%. Da luglio, tuttavia, “si registra un significativo deterioramento, causato soprattutto dai costi energetici e dall’indebolimento della domanda da parte dei settori clienti”. L’allarme è stato lanciato da Paolo Lamberti, presidente di Federchimica, nella relazione all’assemblea del 24 ottobre scorso.
Nell’intervento è stato ricordato, innanzitutto, che l’industria chimica in Italia conta più di 2.800 imprese, ed è il terzo produttore europeo dopo Germania e Francia e sesto settore industriale del Paese. Il comparto ha chiuso il 2021 con un valore della produzione di 56,4 miliardi di euro. Sono 112 mila gli addetti occupati, addirittura 278 mila considerando l’indotto. Inoltre, come si legge dalla relazione del presidente, “l’industria chimica è da tempo impegnata nel promuovere l’efficienza energetica e dal 2000 ha ridotto i consumi energetici del 44% a parità di produzione, anche grazie agli investimenti in cogenerazione, rinnovabili ed economia circolare”. Viene poi aggiunto come per far fronte alla crisi energetica, le aziende stiano utilizzando ogni leva disponibile, incluse la rimodulazione dei turni e la riformulazione dei prodotti”.

Proprio la crisi energetica è stata, come detto, al centro del dibattito dell’assemblea. Secondo Lamberti queste difficoltà sono particolarmente sentite dalla chimica “un settore energivoro, che utilizza il gas anche come materia prima per moltissime produzioni. Già prima dell’attuale crisi, il costo dell’energia aveva un’incidenza elevatissima (11%) sul valore della produzione, con punte ancor più significative ad esempio per gas tecnici, fertilizzanti, chimica di base e molti principi attivi farmaceutici”, il pensiero del presidente di Federchimica.

La soluzione

Per quanto riguarda le soluzioni l’invito è quello di puntare sull’innovazione, che deve “diventare centrale e prioritaria nei programmi di sostegno pubblici, favorendo gli sforzi delle imprese, soprattutto piccole e medie, con una ricerca pubblica indirizzata a finalità industriali”. Soddisfazione, infine, in merito alla firma anticipata del contratto collettivo di categoria, che “ha assicurato una prospettiva per il futuro delle imprese e dei lavoratori in un clima di grande incertezza”.

Pubblicità
Honeywell CLSS
Sostenibilità, guidano chimici e fisici

Sostenibilità, guidano chimici e fisici

Il tema al centro del XX Congresso nazionale della Federazione, svoltosi a Paestum Il cuore del futuro sostenibile, un cuore chiamato chimica e fisica. Questo il titolo del congresso nazionale (giunto alla sua ventesima edizione) della Federazione di categoria, che...

Dall’Ue una stretta all’uso di pesticidi

Dall’Ue una stretta all’uso di pesticidi

La risoluzione approvata dalla commissione ambiente del Parlamento europeo Ridurre l’utilizzo dei pesticidi chimici considerati “più pericolosi” del 50% rispetto alla media di utilizzo del periodo 2015-2017. È quanto prevede la posizione della commissione ambiente del...

La Commissione Ue pronta a vietare il bisfenolo A

La Commissione Ue pronta a vietare il bisfenolo A

La scelta sulla base di un report Aea. Novità a partire dal 2024 La Commissione europea preoccupata per il bisfenolo A e pronta a vietarne l’uso nei materiali a contatto con gli alimenti, tra cui plastica e lattine di conserve. Tra le proposte legislative per il 2024...

Incontro CNEL-ProfessionItaliane su formazione e lavoro in carcere

Rafforzare la collaborazione tra il mondo delle professioni e il CNEL Si è tenuto lo scorso 28 febbraio, presso la sede del CNEL, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, Renato Brunetta, e ProfessionItaliane, l’Associazione che...

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest