Giovannini: il costo delle opere pubbliche aumenterà del 20%

da | 9 Giu 2022 | In evidenza, Primo piano

Il costo per la realizzazione delle opere pubbliche aumenterà del 20% rispetto agli ultimi anni a causa della crescita dei prezzi delle materie prime e dell’energia. Per scongiurare gli effetti negativi ed evitare la mancata realizzazione di opere già programmate (legate al Pnrr ma non solo), i prezziari regionali saranno incrementati del 20% e gli interventi la cui offerta è stata accettata prima del 31 dicembre 2021 vedranno una valorizzazione dello stato di avanzamento lavori (Sal), che sarà completata entro il 31 luglio 2021. In più, oltre al potenziamento di tre miliardi su fondi già esistenti, sarà messo in piedi un ulteriore strumento ministeriale (Mef) dedicato alle opere indifferibili, che da qui al 2026 godrà di oltre 10 miliardi di risorse. I numeri sono stati presentati dal Ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini, che è intervenuto in audizione alla Camera per commentare il cosiddetto decreto energia (dl 50/2022).
Il ministro ha parlato degli articoli del decreto di interesse del ministero. Dopo aver illustrato il nuovo credito di imposta per gli autotrasportatori (28% della spesa sostenuta nel primo trimestre 2022 per l’acquisto di gasolio utilizzato in veicoli di categoria euro 5 o superiore di massa pari o superiore a 7,5 tonnellate), Giovannini ha snocciolato una serie di numeri sul costo delle opere pubbliche legato alle recenti crisi (prima Covid e poi invasione dell’Ucraina): “secondo le nostre stime, dopo una lunga stagnazione che ha caratterizzato il periodo 2015-2020, è ipotizzabile un aumento del 20% costo per la realizzazione delle opere pubbliche. Il governo ha quindi previsto una serie di interventi eccezionali, sia per le offerte chiuse prima del 31 dicembre 2021 che per quelle future. Ci sarà una valorizzazione delle Sal entro il 31 luglio, che se non operata dalle regioni sarà realizzata direttamente dai provveditorati. I prezziari regionali saranno incrementati del 20% e i maggiori importi saranno riconosciuti alla stazione appaltante nella misura del 90%. Per quanto riguarda le opere 2022, le stazioni appaltanti potranno chiedere una rimodulazione degli importi a disposizione”.

Il ministro ha poi parlato delle compensazioni e dei fondi che saranno utilizzati per disinnescare gli effetti dell’aumento dei prezzi. Prima ha ricordato come i due fonti esistenti nel ministero di sua competenza (dl 76/2020 e dl 73/2021) abbiano in dote 3 miliardi di euro, ovvero “un aumento straordinario rispetto agli importi previsti”. In aggiunta, il titolare del dicastero ha anche illustrato il funzionamento di un nuovo fondo, di competenza del Mef, dedicato all’avvio di opere indifferibili: oltre a quelle del Pnrr, lo strumento è rivolto alle opere commissariate, a quelle del piano nazionale complementare, alle olimpiadi di Milano Cortina 2026 e ai giochi del Mediterraneo.

La dotazione finanziaria è di 10,5 miliardi, da qui al 2026.

Pubblicità
Energia: la crisi dei costi si attenua

Energia: la crisi dei costi si attenua

Energia, la crisi dei costi si attenua, in vista tariffe più «soft» per cittadini e imprese Le conseguenze del conflitto fra Russia ed Ucraina (divampato poco meno di un anno fa, alla fine del febbraio del 2020) sembrano essersi affievolite sul versante dei prezzi...

Il codice degli appalti al tavolo europeo

Il codice degli appalti al tavolo europeo

Entrata in vigore entro il 31 marzo, ma ancora non c’è la data esatta L’entrata in vigore del codice degli appalti arriverà entro il 31 marzo. La data esatta, però, sarà definita al termine dell’interlocuzione in corso con l’Europa. Sono le parole di Matteo Salvini,...

Il Milleproroghe arriva al Senato

Il Milleproroghe arriva al Senato

Rinvio dei termini in tema di lavoro, istruzione, imposte e pubblica amministrazione In prossimità della notte di San Silvestro arriva la consueta serie di rinvii di termini legislativi. Come ogni anno, infatti, è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto...

Calderone: giovedì 2 febbraio il tavolo sul lavoro autonomo

Il ministro Calderone (ri)ascolterà i professionisti. I «ritocchi» possibili alla proposta di legge sull’equo compenso per le prestazioni professionali (che ha staccato il traguardo dell’Aula della Camera il 25 gennaio scorso ed è adesso passata al vaglio del Senato),...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest