Gas: nuovo accordo di solidarietà tra Italia e Germania

da | 29 Mar 2024 | Meccanica ed efficienza energetica, Notizie

Lo scorso 19 marzo, a Berlino, un accordo bilaterale di solidarietà tra Italia e Germania riguardante il settore del gas

L’accordo è stato siglato dal ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, e dal collega tedesco dell’Economia e della Protezione climatica, Robert Habeck.

La firma è avvenuta al margine del Dialogo di Berlino sulla transizione energetica (Betd), presso il ministero degli Esteri tedesco.

L’accordo impegna l’Italia, tramite il MASE, e la Germania, tramite il Ministero Federale per gli affari economici e il clima, a prendere tutte le misure necessarie, sia di mercato che non, in caso di emergenza, per garantire l’approvvigionamento di gas naturale ai clienti protetti della parte richiedente, nel rispetto delle norme di sicurezza tecnica del sistema gas di entrambe le parti.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Parallelamente, è stato firmato un Addendum trilaterale tra Italia, Svizzera e Germania.

Il ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, ha dichiarato, in merito, che la firma di questo accordo rappresenta uno degli obiettivi concreti stabiliti nel Piano di Azione italo-tedesco firmato lo scorso ottobre dai due capi di governo e ha inoltre sottolineato che l’accordo contribuisce alla sicurezza energetica europea e alla risposta alle crisi derivanti dall’aggressione russa in Ucraina.

L’accordo, nello specifico, prevede misure di estrema necessità, con meccanismi di compensazione e rispetto dei limiti dei sistemi di trasporto del gas, da attuare una volta esaurite le misure nazionali disponibili, nel caso in cui uno dei paesi sia colpito da una grave crisi.

Il ministro Pichetto Fratin ha anche evidenziato l’importanza della prevenzione delle condizioni che potrebbero portare all’attivazione di tali accordi, sottolineando l’impegno dell’Italia a Bruxelles nella promozione del ‘price-cap’, ovverosia il tetto massimo al prezzo del gas naturale.

Infine, è stato sottolineato l’importante passo compiuto includendo la Svizzera nell’accordo, al fine di aumentare il livello di sicurezza energetica dei paesi coinvolti e consolidare il ruolo dell’Italia come hub energetico europeo.

Quindi: nel bel mezzo della crisi Russia-Ucraina (con la fine del transito del gas), non c’è attualmente nessuna emergenza per quel che riguarda l’approvvigionamento, ma la ferma volontà di fronteggiare qualsiasi eventuale problema.

In quest’ottica vanno visti gli accordi di cui sopra, sottolineando in merito che l’ultimo aggiornamento sul prezzo del gas ha fatto registrare uno dei livelli più bassi degli ultimi anni, anche grazie alle scorte italiane (ed europee) arrivate a livello di guardia.

Italia ancora regina europea del settore design

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

CER: attivi i portali GSE per gli incentivi

CER: attivi i portali GSE per gli incentivi

Entrati in funzione dall’8 aprile, a partire dalle ore 17:00, i portali del GSE per accedere agli incentivi sulle comunità energetiche. Un passo importante e molto atteso perché grazie ai nuovi portali sarà possibile l’invio delle richieste dei contributi per le CER e...

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest