Flat tax, pensioni, ammortizzatori ed equo compenso. Le proposte per le professioni in vista delle elezioni

da | 23 Ago 2022 | Il punto

Estensione della flat tax, dell’Ape sociale, partecipazione ai bandi come le imprese, riforma degli ammortizzatori sociali. Equo compenso e incentivi alla crescita dimensionale degli studi.

Queste (e poche altre) le proposte dedicate al mondo professionale nei programmi elettorali dei principali schieramenti in vista del 25 settembre.

Un’attenzione non troppo elevata, come di consueto, per i lavoratori autonomi, anche se non mancano alcune proposte che meritano un approfondimento.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Partiamo dalle più generiche; il Movimento 5 stelle parla ad esempio di una riforma degli ammortizzatori sociali in senso universale anche per autonomi, partite iva, liberi professionisti e nuove tipologie di lavoro.

A questo aggiunge un nuovo statuto dei lavoratori e delle lavoratrici per garantire a dipendenti e autonomi gli stessi diritti e le stesse tutele. Si tratta di due interventi molto importanti che non avrebbero vita facile in Parlamento, ma che non possono essere giudicati senza conoscerne i contenuti.

La destra ha una misura principe per le partite iva, ovvero l’estensione della flat tax fino a centomila euro di fatturato su incremento di reddito rispetto alle annualità precedenti “con la prospettiva di ulteriore ampliamento per famiglie e imprese”.

In generale, si parla poi di aumentare le tutele per lavoro autonomo e libere professioni e del contrasto all’esercizio abusivo della professione.

Il Pd, nel suo programma, pone come obiettivo quello di aumentare le tutele per tutte le categorie di lavoratori, citando anche professionisti e autonomi, “attraverso misure di sostegno e di semplificazione, favorendo la “transizione 4.0” in uno scenario che coniughi innovazione, concorrenza e sostenibilità”, investendo “nella ricerca e nell’innovazione per superare le inefficienze e i problemi strutturali di bassa produttività del “Sistema Italia”.

Tra le misure indicate, c’è anche l’estensione dell’Ape sociale verso gli autonomi, un tentativo di prepensionamento dedicato per una volta ai professionisti e non solo ai dipendenti.

Nel programma del Terzo Polo vengono invece citate una serie di misure più specifiche. La prima è quella di consentire agli autonomi di partecipare ai bandi come le imprese, equiparando l’iscrizione all’albo a quella alla camera di commercio.

Ci sono poi valutazioni su incentivi alla crescita degli studi professionali, “eliminando i disincentivi fiscali e intervenendo sulle problematiche di carattere normativo, contributivo e disciplinare”. Si parla poi di completare la riforma dell’equo compenso, di potenziare la cassa integrazione e le politiche attive per gli autonomi e di riformare il sistema del saldo e acconto.

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest