Fibra ottica solo a vantaggio delle Telco nelle Linee guida Agcom

da | 1 Lug 2021 | Informatica

L’infrastrutturazione digitale degli edifici con la fibra ottica può essere una chiave per la ripresa economica?

Sì. La realizzazione di impianti verticali di telecomunicazioni, i cosiddetti impianti multiservizi negli edifici di nuova costruzione è senza dubbio un modello “win-win” dove a vincere sono tutti: vince lo Stato che efficienta la sua rete di telecomunicazioni, si abbassa il digital divide e si migliora la connettività dei cittadini.

Non solo perché la creazione delle infrastrutture tecnologicamente avanzate ha anche l’effetto di valorizzare gli immobili (anche dal punto di vista economico) e crea nuove opportunità di lavoro per professionisti chiamati a progettarle e per imprese che dovranno poi a installarle e mantenerle. Insomma una partita cruciale che è diventata inevitabilmente un tema politico di primario interesse per gli effetti che è destinata a produrre (oppure no) sul progresso del nostro Paese. Certo è che nell’acceso dibattito che prosegue da tempo tutti sono concordi sul fatto che il tema vada affrontato garantendo la massima copertura possibile, il rispetto delle regole di mercato e dei principi che tutelano la concorrenza. Ma è davvero così che si sta procedendo? Scorrendo le recenti Linee guida Agcom in materia di accesso ai condomìni per la realizzazione appunto di reti in fibra ottica sembrerebbe proprio di no.

Come ha detto il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, in merito al Next Genation Eu, “vogliamo una spesa buona”, ma questa la possiamo ottenere solo se coinvolgiamo i Professionisti che la asseverano, e le imprese che realizzano questo tipo di interventi. Il Consiglio nazionale dei Periti Industriali e quello degli Ingegneri sono impegnati da tempo per una soluzione economicamente vantaggiosa e tecnicamente coerente con la normativa, a favore di cittadini, imprese e di tutta la filiera interessata. Impianti progettati adeguatamente da professionisti preparati e abilitati, realizzati a regola d’arte, certificati nella loro conformità e manutenuti, rappresentano gli anelli di una catena efficiente e auto sostenibile.

Pubblicità
Continua la crescita del digitale in Italia

Continua la crescita del digitale in Italia

Spid, Cie e App io in grande espansione. Oltre 61 miliardi tramite PagoPa Continua a correre il digitale in Italia. Numeri record anche per il 2022, con 33,5 milioni di Spid, 32,7 milioni di carte d’identità elettroniche e oltre 61 miliardi di euro di pagamenti online...

Una spinta al digitale nei comuni

Una spinta al digitale nei comuni

Accordo tra l’Anci e il dipartimento per l’innovazione tecnologica Una spinta alla digitalizzazione dei comuni italiani. È questo l’obiettivo principale del protocollo di intesa che verrà presto siglato tra il dipartimento per l’innovazione digitale e l’Anci,...

Calderone: giovedì 2 febbraio il tavolo sul lavoro autonomo

Il ministro Calderone (ri)ascolterà i professionisti. I «ritocchi» possibili alla proposta di legge sull’equo compenso per le prestazioni professionali (che ha staccato il traguardo dell’Aula della Camera il 25 gennaio scorso ed è adesso passata al vaglio del Senato),...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest