Farine di insetti sugli scaffali dei supermercati

da | 22 Gen 2024 | Tecnologie alimentari

Comunità energetiche 2023

Farina di insetti: quattro decreti in Italia, mentre dall’Europa arriva il via libera sui grilli

Insetti sempre più al centro della scena (e delle polemiche) in campo alimentare.

Infatti, le larve del verme della farina minore (Alphitobus diaperinus) congelate, in pasta, essiccate e in polvere potranno essere commercializzate in Ue come nuovo alimento dal 26 gennaio. Si tratta di uno degli effetti che ha portato il regolamento di esecuzione 2023/ della Commissione Ue, pubblicato il 5 gennaio scorso. Il regolamento, analizzato anche nel Parlamento italiano dal ministro per l’agricoltura e la sovranità alimentare Francesco Lollobrigida, procede di qualche giorno i quattro decreti pubblicati in Gazzetta ufficiale il 29 dicembre, che trattano proprio il tema della vendita dei prodotti alimentari ricavati dagli insetti.

La questione anima e interessa la maggioranza, da sempre ideologicamente contraria all’utilizzo degli insetti in cucina o, in generale, del sintetico nel settore alimentare.

La pubblicazione dei decreti, infatti, ha portato alcune polemiche e discussioni, con il governo “accusato” di aver fatto marcia indietro. Lollobrigida, rispondendo in Parlamento, ha invece contestato queste posizioni: “Con i decreti pubblicati in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2023, il nostro governo, dopo che l’Unione europea ha autorizzato la vendita di alimenti a base di insetti, ha imposte regole rigidissime nei confronti dei produttori, volte ad informare minuziosamente i nostri cittadini che consumano, in modo tale che chiunque voglia possa evitare facilmente di acquistare questi prodotti, o viceversa”. Quindi, ha ancora precisato il ministro, “tutti gli alimenti a base di insetti “dovranno presentare un’etichetta ben visibile sulla confezione che informerà chi acquista su:1) Tipologia di insetto presente 2) Quantità di insetti utilizzate. 3) Paese d’origine. 4) Informazioni relative a rischi legati a reazioni allergiche.

Inoltre, questi prodotti devono essere posti in vendita in comparti separati, segnalati attraverso apposita cartellonistica. E i decreti contengono anche sanzioni per i trasgressori. Quando si parla di cibo – conclude – siamo persone, prima che consumatori. Per questo, saremo sempre in prima linea per garantire a tutti piena informazione e trasparenza”.

Come accennato, l’intervento del ministro ha seguito di qualche giorno il nuovo regolamento europe, che apre la strada alle larve del verme della farina a partire dal 26 gennaio. Per cinque anni a decorrere dall’entrata in vigore del regolamento solo la società Cricket One Co. Ltd è autorizzata a immettere sul mercato dell’Unione il nuovo alimento, salvo nel caso in cui un richiedente successivo ottenga un’autorizzazione per tale nuovo alimento senza riferimento ai dati scientifici protetti a norma dell’articolo 3 o con il consenso di Cricket One Co. Ltd.

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Incontro CNEL-ProfessionItaliane su formazione e lavoro in carcere

Rafforzare la collaborazione tra il mondo delle professioni e il CNEL Si è tenuto lo scorso 28 febbraio, presso la sede del CNEL, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, Renato Brunetta, e ProfessionItaliane, l’Associazione che...

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest