Piante più «resistenti» e «maggior sicurezza alimentare»: l’Europa vara le nuove tecniche genomiche

da | 7 Feb 2024 | Chimica

L’Europa vara il testo relativo alle nuove tecniche genomiche di matrice comunitaria

Un «sì» che, a suo modo, può essere considerato storico sul versante dello sviluppo degli alimenti che finiscono sulle nostre tavole e anche sul fronte dell’impiego (più contenuto) di prodotti chimici nei campi: è quello giunto oggi dall’Europarlamento di Strasburgo, che ha acceso il «semaforo verde» sul testo relativo alle nuove tecniche genomiche di matrice comunitaria; il provvedimento è stato licenziato in sessione plenaria con 307 voti a favore, 263 contrari e 41 astensioni, e l’odierno via libera rappresenta il preludio rispetto ai negoziati con i governi Ue per giungere all’intesa finale fra gli Stati del Vecchio Continente.

L’obiettivo dell’iniziativa legislativa, viene spiegato, è di arrivare a poter «regolare le tecniche che alterano il materiale genetico di un organismo per sviluppare piante più resilienti», in modo da rendere il sistema alimentare globalmente più sostenibile, disciplinando la commercializzazione delle nuove varietà vegetali «migliorate, più resistenti al cambiamento climatico e ai parassiti e che richiedano meno fertilizzanti e pesticidi».

Ma in cosa consiste quanto varato all’Eurocamera e quali saranno le conseguenze sulle produzioni? Finora, viene indicato, tutte le piante ottenute con le nuove tecniche genomiche (Ngt) sono soggette ai medesimi «paletti» che normano gli Organismi geneticamente modificati (Ogm), però con questa nuova regolamentazione, gli eurodeputati hanno approvati la proposta avanzata il 5 luglio dalla Commissione europea per poter suddividere le piante Ngt in due diverse categorie soggette a vincoli diversi: le prime, che «presentano mutazioni semplici, cioè simili a quelle che possono essere ottenute con l’incrocio tradizionale o possono accadere in natura e che sono considerate alla stregua delle piante convenzionali, saranno soggette a un iter di autorizzazione veloce, esentate dalla maggior parte dei requisiti di sicurezza previsti dalla legislazione Ue sugli Ogm», si precisa. Quanto, invece, alle seconde, ovvero quelle prodotte con le stesse tecniche, però mediante modifiche più complesse, invece, continueranno a essere equiparate agli Ogm, soggette a una delle legislazioni che, viene evidenziato, «è tra le più rigorose al mondo» e include l’etichettatura obbligatoria dei prodotti.

Pubblicità
Notifier Centrali AM

Nel corso del suo intervento a Strasburgo, la relatrice del testo, l’eurodeputata svedese Jessica Polfjard (Ppe) si è augurata che «gli Stati membri prendano presto posizione, in modo da poter adottare le nuove norme prima delle Europee e dare agli agricoltori gli strumenti necessari per la transizione verde». A suo giudizio, poi, le Ngt «sono fondamentali per rafforzare la sicurezza alimentare dell’Europa e rendere più verde la nostra produzione agricola. Le nuove regole consentiranno lo sviluppo di varietà vegetali migliorate che garantiranno rese più elevate, saranno resistenti al clima, o richiederanno meno fertilizzanti e pesticidi», ha terminato.

Sostenibilità, guidano chimici e fisici

Sostenibilità, guidano chimici e fisici

Il tema al centro del XX Congresso nazionale della Federazione, svoltosi a Paestum Il cuore del futuro sostenibile, un cuore chiamato chimica e fisica. Questo il titolo del congresso nazionale (giunto alla sua ventesima edizione) della Federazione di categoria, che...

Dall’Ue una stretta all’uso di pesticidi

Dall’Ue una stretta all’uso di pesticidi

La risoluzione approvata dalla commissione ambiente del Parlamento europeo Ridurre l’utilizzo dei pesticidi chimici considerati “più pericolosi” del 50% rispetto alla media di utilizzo del periodo 2015-2017. È quanto prevede la posizione della commissione ambiente del...

La Commissione Ue pronta a vietare il bisfenolo A

La Commissione Ue pronta a vietare il bisfenolo A

La scelta sulla base di un report Aea. Novità a partire dal 2024 La Commissione europea preoccupata per il bisfenolo A e pronta a vietarne l’uso nei materiali a contatto con gli alimenti, tra cui plastica e lattine di conserve. Tra le proposte legislative per il 2024...

Incontro CNEL-ProfessionItaliane su formazione e lavoro in carcere

Rafforzare la collaborazione tra il mondo delle professioni e il CNEL Si è tenuto lo scorso 28 febbraio, presso la sede del CNEL, l’incontro tra il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, Renato Brunetta, e ProfessionItaliane, l’Associazione che...

Il Digital service act è ufficialmente realtà

Entrata in vigore la normativa Ue che si applica a tutti i fornitori di servizi online, la digital service act Una nuova era per le aziende che offrono servizi digitali, orientata al rispetto della privacy e alla tutela dei minori. Lo scorso 17 febbraio, infatti, è...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest