Equo compenso, ProfessionItaliane: “non è più procrastinabile”

da | 9 Mag 2022 | Primo piano

Una legge sull’equo compenso non è più procrastinabile: il Ddl va approvato entro la fine della Legislatura”. È l’appello di ProfessionItaliane – l’Associazione che racchiude al proprio interno le rappresentanze professionali del Comitato Unitario delle Professioni e della Rete delle Professioni Tecniche – rivolto al Presidente della Commissione Giustizia del Senato, Andrea Ostellari, ai componenti della stessa Commissione e a tutti i partiti che hanno sostenuto fin qui il Disegno di legge di iniziativa parlamentare per garantire un compenso equo alle prestazioni professionali. Il provvedimento è stato approvato lo scorso ottobre alla Camera per poi passare in Commissione Giustizia al Senato, dove attualmente è fermo in attesa di ulteriori modifiche.

“Le tempistiche per apportare le opportune correzioni al testo di legge rischiano di non coincidere con la fine del prossimo anno e, quindi, di vanificare ciò che di buono è stato fatto finora. Per questo è indispensabile approvare in tempi certi e nell’attuale stesura approvata alla Camera il Disegno di legge sull’equo compenso all’esame del Parlamento”, precisa con un comunicato stampa ProfessionItaliane. “Sebbene il testo possa essere ancora migliorato, in particolar modo in riferimento ai limiti applicativi che oggi non tengono conto della tipicità del tessuto economico e imprenditoriale italiano, formato principalmente da piccole e micro imprese, dobbiamo evitare di vanificare il lungo percorso legislativo intrapreso finora, che ha permesso di portare all’attenzione del legislatore le istanze dei professionisti, rafforzandone le tutele, soprattutto nei confronti di clienti ritenuti “forti” e individuati in banche, assicurazioni, imprese medio-grandi, pubbliche amministrazioni e società a partecipazione pubblica. Il provvedimento oggi consentirebbe di garantire un compenso proporzionato alla quantità e qualità del lavoro svolto, al contenuto, alle caratteristiche della prestazione professionale e conforme a parametri già previsti. Un primo passo verso la corretta remunerazione dei professionisti che non può essere cancellato”, concludono

Energia: la crisi dei costi si attenua

Energia: la crisi dei costi si attenua

Energia, la crisi dei costi si attenua, in vista tariffe più «soft» per cittadini e imprese Le conseguenze del conflitto fra Russia ed Ucraina (divampato poco meno di un anno fa, alla fine del febbraio del 2020) sembrano essersi affievolite sul versante dei prezzi...

Il codice degli appalti al tavolo europeo

Il codice degli appalti al tavolo europeo

Entrata in vigore entro il 31 marzo, ma ancora non c’è la data esatta L’entrata in vigore del codice degli appalti arriverà entro il 31 marzo. La data esatta, però, sarà definita al termine dell’interlocuzione in corso con l’Europa. Sono le parole di Matteo Salvini,...

Il Milleproroghe arriva al Senato

Il Milleproroghe arriva al Senato

Rinvio dei termini in tema di lavoro, istruzione, imposte e pubblica amministrazione In prossimità della notte di San Silvestro arriva la consueta serie di rinvii di termini legislativi. Come ogni anno, infatti, è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto...

Calderone: giovedì 2 febbraio il tavolo sul lavoro autonomo

Il ministro Calderone (ri)ascolterà i professionisti. I «ritocchi» possibili alla proposta di legge sull’equo compenso per le prestazioni professionali (che ha staccato il traguardo dell’Aula della Camera il 25 gennaio scorso ed è adesso passata al vaglio del Senato),...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest