martedì, 27 Settembre 2022
Pubblicità

Detrazioni fiscali in edilizia e asseverazioni da inviare all’ENEA: regole e modalità

-

I professionisti tecnici devono asseverare la corrispondenza di alcuni lavori edilizi ‘agevolabili’ direttamente sul sito dell’ENEA, l’organo nazionale deputato al controllo e alla gestione delle pratiche inerenti l’efficientamento energetico in edilizia.

 Ma, nello specifico, come funziona il portale ENEA? Come devono fare i professionisti? E di quali agevolazioni edilizie parliamo? Vediamo di semplificare il tutto.

Pubblicità

 

 A cosa serve il sito dedicato ENEA per le detrazioni fiscali

 Il portale detrazionifiscali.enea.it permette di creare e gestire il proprio account ENEA per i siti dedicati alle detrazioni fiscali e per il Suberbonus 110% e di inserire i dati delle asseverazioni e i dati dei relativi interventi.

 Quindi, prima di tutto, bisogna registrarsi e, una volta completata la registrazione, sarà possibile accedere.

 NB – La registrazione può essere effettuata da:

beneficiario delle detrazioni;

  • intermediario (tecnico, amministratore, ecc. che compila la dichiarazione per conto di un cliente, di un assistito, di un condominio o di una società);
  • Asseveratore (per le Schede Descrittive a fine lavori del SuperEcobonus e per le pratiche di cessione del credito e sconto in fattura che fruiscono del SuperEcobonus del 110%).

Nel caso dell’asseveratore, però, è obbligatorio l’inserimento completo dei dati personali comprensivi dei dati di iscrizione all’ordine o collegio professionale e l’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC). È anche richiesto l’inserimento dei dati del proprio documento di riconoscimento e il caricamento della stesso in formato pdf.

 

Le 3 tipologie di detrazione

 1. Bonus Casa 

In questo caso è possibile caricare, modificare e consultare le schede descrittive degli interventi di efficienza energetica e utilizzo delle fonti rinnovabili di energia che usufruiscono delle detrazioni fiscali del 50% ex art. 16 bis del DPR 917/1986.

 La legge prevede l’obbligo di trasmettere per via telematica all’ENEA le informazioni sugli interventi terminati dal 2018 in poi, che accedono alle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie (Bonus Casa) che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili.

 LINK di RIFERIMENTO CON GUIDE e DOCUMENTI UTILI

https://detrazionifiscali.enea.it/bonuscasa.asp

 2. Ecobonus e Bonus Facciate

 La piattaforma consente caricamento, modifica e consultazione delle schede descrittive degli interventi di efficienza energetica e utilizzo delle fonti rinnovabili di energia che usufruiscono delle detrazioni fiscali ex legge 296/2006 e art. 14 DL 63/2013 (detrazioni dal 50%, 65%, 70%, 75%, 80% e 85%) e Bonus Facciate (90%).

 Quindi, bisogna trasmettere telematicamente a ENEA le informazioni sugli interventi terminati che possono accedere a:

  •  detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie con risparmio energetico e/o utilizzo di fonti rinnovabili – Ecobonus (dal 50 all’85%);
  • interventi influenti dal punto di vista termico o che interessino il rifacimento dell’intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente complessiva totale dell’edificio – Bonus Facciate (detrazione del 90% delle spese sostenute nel 2020 e nel 2021).

 LINK di RIFERIMENTO CON GUIDE e DOCUMENTI UTILI

https://detrazionifiscali.enea.it/ecobonus.asp 

 

  1. SuperEcobonus 110%

 La piattaforma consente caricamento, modifica e consultazione delle asseverazioni e delle schede descrittive degli interventi di efficienza energetica e utilizzo delle fonti rinnovabili di energia che usufruiscono delle detrazioni fiscali SuperEcobonus (detrazione del 110%).

 Qui siamo, ovviamente, nel perimetro degli artt.119 e 121 del DL 34/2020 (Rilancio, conv. in legge 77/2020), che ha innalzato fino al 110% l’aliquota di detrazione fiscale per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 (ultima proroga) per gli interventi di efficienza energetica che soddisfano i requisiti di cui al decreto del MISE del 6 agosto 2020 (cd. Decreto Requisiti o Decreto Prezzi) e per gli interventi antisismici di cui ai commi da 1-bis a 1-septies dell’art.16 del DL 63/2013.

 Il sito, quindi, consente ai professionisti tecnici di creare e protocollare le asseverazioni obbligatorie alla fine dei lavori e nel caso di opzione per la cessione del credito o sconto in fattura per gli stati di avanzamento lavori (SAL) al 30% e al 60%. Significa che l’asseverazione è sempre obbligatoria a fine lavori ma è possibile farla “in corso d’opera” quando si è al 30% o al 60% dei lavori realizzati previsti al fine di optare per la cessione del credito o per lo sconto in fattura.

 NB 1 – L’asseverazione deve sempre essere redatta da un tecnico abilitato munito di polizza assicurativa espressamente stipulata per il SuperEcobonus 110%. Per completare il procedimento, bisogna caricare nel sistema i file PDF di:

 copia della polizza assicurativa del professionista;

  • APE (attestato di prestazione energetica) ante intervento;
  • APE post intervento;
  • computo metrico dei lavori.

NB 2 – Con la trasmissione dell’Asseverazione a Fine Lavori verranno create le Schede descrittive dell’intervento e generato il relativo codice CPID (Codice Personale Identificativo).

Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.