Ddl malattia: “basta a rallentamenti, si approvi il più presto” è la richiesta di tutte le professioni

da | 22 Giu 2021 | In evidenza, Notizie

Il disegno di legge trasversale sul “Differimento termini per malattia ed infortunio dei professionisti”, a prima firma del senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, deve essere approvato al più presto.

La richiesta arriva trasversale da tutti i rappresentati degli ordini e degli enti di previdenza dei professionisti che denunciano come fino ad ora ci siano stati “troppi intoppi” sul percorso del disegno di legge per il differimento dei termini per il professionista malato, o infortunato, mentre “è urgente una tutela generale per i nostri clienti e per noi”.

Il Ddl malattia prevede uno slittamento degli adempimenti alla Pubblica amministrazione qualora vi sia il ricovero in ospedale del libero professionista per ragioni relative a infortunio, malattia grave, parto prematuro o intervento chirurgico. Inoltre, la misura si applica anche per cure domiciliari, sostitutive di quelle ospedaliere.

Il fine è proprio quello di evitare che un grave incidente o una grave e improvvisa malattia oppure la morte del li­bero professionista possano produrre sanzioni o danni per i clienti stessi. In tutti i casi quindi il provvedimento propone una scadenza fiscale di 30 giorni a partire dal giorno del ricovero in ospedale o dall’inizio delle cure domiciliari.

Pubblicità

Calderone: giovedì 2 febbraio il tavolo sul lavoro autonomo

Il ministro Calderone (ri)ascolterà i professionisti. I «ritocchi» possibili alla proposta di legge sull’equo compenso per le prestazioni professionali (che ha staccato il traguardo dell’Aula della Camera il 25 gennaio scorso ed è adesso passata al vaglio del Senato),...

Un piano di 450 milioni di euro per il trattamento dei rifiuti

Dal ministero dell'ambiente il decreto che finanzia 65 progetti con i fondi del Pnrr Dal ministero dell'ambiente 450 milioni di euro per finanziare 65 progetti innovativi per la realizzazione di impianti di trattamento e riciclaggio e recupero materia. È quanto...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest