Dati su interventi condominiali e opzioni bonus edilizi: proroga al 4 aprile 2024

da | 23 Feb 2024 | Costruzione, ambiente e territorio, Notizie

Proroga al 4 marzo per interventi condominiali, comunicazioni obbligatorie al Fisco e le opzioni Bonus edilizi

Dopo il varo definitivo del Decreto Salva Superbonus, convertito in legge dal Senato senza modifiche con tutte le strette confermate sia in termini di possibilità di ‘prendere’ una determinata percentuale di detrazione sia, tra l’altro, per quelle inerenti il Bonus Barriere Architettoniche, arriva una buona notizia in materia di bonus edilizi per chi deve effettuare le comunicazioni obbligatorie all’Agenzia delle Entrate.

Si tratta nello specifico di due proroghe, una riguardante gli amministratori di condominio e l’altra più capillare, che concedono un differimento del termine dall’originario 16 marzo al 4 aprile 2024 per le comunicazioni obbligatorie al Fisco.

Queste proroghe sono state espressamente richieste dal CNDCEC (Consiglio nazionale dei Commercialisti) e concesse dal MEF/Governo.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Invio dati degli interventi in condominio

Gli amministratori di condominio hanno a disposizione oltre due settimane aggiuntive per inviare al Fisco i dati sugli interventi di risparmio energetico e ristrutturazione eseguiti nelle parti comuni condominiali nel 2023.

Il termine ultimo per questa comunicazione è stato spostato dal 16 marzo al 4 aprile 2024.

Questa proroga, stabilita con un provvedimento ad hoc del 22 febbraio firmato dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, non influisce sul calendario generale della campagna dichiarativa del 2024.

Inoltre, il provvedimento prevede l’esonero dall’invio dei dati nel caso in cui, per gli interventi sulle parti comuni effettuati nell’anno precedente, tutti i condòmini abbiano optato per la cessione del credito o lo sconto sul corrispettivo, anziché l’utilizzo diretto della detrazione.

Comunicazione delle opzioni alternative anno 2023

La stessa proroga al 4 aprile 2024 è stata estesa, con un secondo provvedimento del 22 febbraio delle Entrate, a tutti i contribuenti che devono comunicare all’Agenzia delle Entrate le opzioni (sconto o prima cessione) relative alle spese sostenute nel 2023 e alle rate residue non utilizzate per le detrazioni dei bonus edilizi relative agli anni 2020, 2021 e 2022.

Riepilogando, il termine per comunicare l’opzione per lo sconto o la prima cessione del credito, inizialmente fissato al 16 marzo, è stato spostato al 4 aprile 2024, riguardando le spese sostenute nel 2023 e le rate residue non utilizzate per le detrazioni relative agli anni 2020, 2021 e 2022.

NB – Di questo differimento potranno beneficiare coloro i quali rientrano nelle ‘eccezioni’ e nelle ‘possibilità’ concesse dal Decreto Cessioni (11/2023) in materia di opzioni alternative alla fruizione diretta dei bonus (ad esempio, chi ha effettuato lavori con titolo abilitativo o CILA-S presentati entro il 16/2/2023, gli interventi degli IACP e delle ONLUS, gli interventi effettuati su immobili danneggiati dal sisma), visto che dal 17 febbraio 2023 sono stati istituiti limiti stringenti sulla cessione del credito e lo sconto in fattura dei bonus edilizi.

Come funziona la piattaforma per la comunicazione delle opzioni alternative

Conformemente alle indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate, coloro che hanno diritto alle detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia, recupero o restauro della facciata degli edifici, riqualificazione energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti solari fotovoltaici e infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici, comprese le detrazioni Superbonus, devono comunicare al Fisco l’opzione per la cessione del corrispondente credito a soggetti terzi o per il contributo sotto forma di sconto.

Tale procedura segue quanto stabilito nei provvedimenti attuativi emanati dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate.

L’opzione va esclusivamente comunicata in modalità telematica entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione.

Questa scadenza, in passato, è stata spesso prorogata tramite appositi provvedimenti, proprio come accaduto ‘adesso’.

La procedura per la comunicazione può essere compilata e inviata attraverso la procedura web disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate. Dopo l’autenticazione, è possibile accedere alla procedura seguendo il percorso Servizi -> Agevolazioni -> Comunicazioni opzioni per interventi edilizi e Superbonus.

L’invio della comunicazione può essere effettuato direttamente dal beneficiario della detrazione o attraverso un intermediario abilitato ai sensi dell’articolo 3, comma 3, del Dpr 322/1998.

Italia ancora regina europea del settore design

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

CER: attivi i portali GSE per gli incentivi

CER: attivi i portali GSE per gli incentivi

Entrati in funzione dall’8 aprile, a partire dalle ore 17:00, i portali del GSE per accedere agli incentivi sulle comunità energetiche. Un passo importante e molto atteso perché grazie ai nuovi portali sarà possibile l’invio delle richieste dei contributi per le CER e...

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest