Dall’Ue una direttiva sull’eco-design: no obsolescenza degli smartphone

da | 7 Lug 2022 | Design

Stiamo lavorando all’eco-design per prevenire l’obsolescenza programmata di smartphone e tablet

Queste le parole di Thierry Breton, commissario europeo per il mercato interno, che in conferenza stampa ha annunciato la prossima presentazione di una proposta di direttiva contro i giganti delle telecomunicazioni e la loro pratica di indurre il consumatore a comprare sempre il nuovo dispositivo prodotto, lavorando appunto sull’obsolescenza programmata, ovvero un’obsolescenza che è già intrinsecamente dentro gli apparecchi.

“Alcune aziende”, le parole di Breton, “vorrebbero che cambiassimo il nostro smartphone ogni tre anni, le capiamo, ma non è il punto di vista dei consumatori e nemmeno il nostro, in termini di prendersi cura ora dell’ambiente”, ha sottolineato Breton. Le misure allo studio, ha spiegato il commissario francese, “includeranno l’affidabilità, la facilità di smontaggio, incentivi alla riparazione, l’accesso a pezzi di ricambio critici e l’aumento del riciclo”.

La direttiva dovrebbe quindi contenere una serie di misure che dovranno garantire l’affidabilità, la facilità di smontaggio, gli incentivi alla riparazione, l’accesso a pezzi di ricambio critici e l’aumento del riciclo. Il pacchetto di misure andrà sia a modificare la direttiva sui diritti dei consumatori, obbligando i professionisti a informare i clienti sulla durabilità e sulla riparabilità dei prodotti che ad aggiornare la direttiva contro le pratiche commerciali sleali. Per quanto riguarda l’obbligo di informazione, la proposta prevede che gli utenti vengano informati, oltre che sulla durabilità garantita dei prodotti e sull’indice di riparabilità anche sugli aggiornamenti del software forniti dal produttore per quei dispositivi considerati intelligenti e per i servizi digitali.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Secondo quanto riportato, tra gli altri, dal Centro europeo consumatori Italia, sul versante delle pratiche commerciali sleali, la Commissione Europea proporrà di allungare la “black list” delle pratiche vietate nel mercato Ue.

Nello specifico si tratta di:

  • La mancata informazione ai consumatori dell’esistenza di una caratteristica introdotta nel prodotto finalizzata a limitarne la durabilità, un esempio in questo senso potrebbe esser un software che interrompe o danneggia la funzionalità;
  • Fare dichiarazioni ambientali generiche nel caso in cui l’eccellenza delle prestazioni ambientali del prodotto o del professionista non sia dimostrabile. Per dichiarazioni generiche si intende, per esempio “rispettoso dell’ambiente”, “eco” o tutte quelle che danno erroneamente l’impressione di un’eccellenza delle prestazioni ambientali;
  • formulare una dichiarazione ambientale sul prodotto nel suo complesso quando in realtà riguarda solo un singolo aspetto;
  • mostrare un marchio di sostenibilità che non è basato su un sistema di verifica da parte di terzi o dalle autorità di competenza;
  • mancata informazione sulla funzionalità limitata di un prodotto quando vengono utilizzati materiali, pezzi di ricambio o accessori non forniti dal produttore originale.

 

Ultimi giorni per il Seoul design award

Ultimi giorni per il Seoul design award

Le domande potranno essere inviate entro il prossimo 28 maggio Il Seoul design award scalda i motori. La manifestazione internazionale nata del 2018 si appresta a vivere la sua edizione 2024, con la premiazione che è attesa per ottobre. Dall’inizio di maggio sono...

L’eterno successo del Salone del Mobile

L’eterno successo del Salone del Mobile

Numeri da record per la manifestazione, sempre più punto di riferimento del design mondiale Il Salone del Mobile si conferma. Anzi, continua a crescere. Numeri da record per la manifestazione milanese, che si è chiusa lo scorso 21 aprile. Oltre 1.950 gli espositori...

Italia ancora regina europea del settore design

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

In arrivo il pacchetto Ue su disegni e modelli

In arrivo il pacchetto Ue su disegni e modelli

Al Parlamento europeo il voto per un settore che vale il 16% del Pil comunitario Due proposte per il “pacchetto su disegni e modelli”, finalizzate ad avere più garanzie di protezione e di tutela per un settore che vale il 16% del Pil europeo. Il Parlamento Ue si...

La transizione energetica passa dall’Africa

Italia presente alla 9^ Conferenza globale dell’Agenzia internazionale dell’energia Africa come priorità strategica di partnership globale per la transizione energetica. Il Piano Mattei come punto di riferimento, con le azioni congiunte che spaziano da vari settori...

Fondo IPCEI: integrazione di 1 miliardo e 500 mila euro

Integrazione risorse del Fondo IPCEI Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, per sostenere e promuovere la realizzazione di importanti progetti di comune interesse europeo (IPCEI) nelle catene del valore strategiche per l’industria europea, ha disposto,...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest