Dal decreto semplificazioni nuove opportunità per il futuro dei giovani professionisti

da | 28 Lug 2021 | Il punto

Grazie al decreto semplificazioni si aprono nuove opportunità di lavoro per i giovani tecnici. Il cosiddetto “Semplificazioni bis”, infatti, che contiene un ricco elenco di semplificazioni necessarie per attuare il Piano nazionale di riforma e resilienza interviene concretamente sia sulla semplificazione di molte procedure amministrative, che sulle modalità di accesso al mondo del lavoro, garantendo, per quanto riguarda i periti industriali, la possibilità per i giovani diplomati degli istituti tecnici di iscriversi all’albo di categoria fino al 2024 e non solo al 2021.

In attesa che si completi la riforma delle lauree triennali –che dovrà assicurare quel necessario collegamento tra formazione e professione- e che entrino a pieno regime i percorsi professionalizzanti abilitanti, prevedere l’accesso ai nostri albi con il diploma ancora per tre anni vuol dire mettere i giovani nelle condizioni di poter cogliere al meglio le opportunità del Pnrr.

Il dl pone, infatti, le basi per far avanzare velocemente le opere previste nel Pnrr eliminando tutte quelle problematiche che potrebbero ritardare gli investimenti e l’attuazione dei progetti. Basti pensare per esempio che gli interventi previsti per l’efficientamento energetico (Superbonus), potranno essere realizzati semplicemente con una Cila, Comunicazione di inizio lavori asseverata piuttosto che con la presentazione dell’attestazione di stato legittimo, particolarmente complessa e onerosa. L’eliminazione di questo passaggio comporta inoltre un grande risparmio di spesa per tutti gli adempimenti burocratici, fondi che possono essere riutilizzati in progettazione e realizzazione degli interventi.

Pubblicità

I periti industriali guardano con favore anche al taglio dei tempi per le procedure autorizzatorie necessarie per la banda ultra larga: da 250-300 giorni a un massimo di 90 giorni decorsi i quali matura il silenzio assenso o può essere esercitato il potere sostitutivo, così come sono “molto positive” anche tutte le altre agevolazioni che accelerano gli investimenti per la green economy attraverso la semplificazione delle pratiche autorizzative con riferimento alle fonti rinnovabili, alle infrastrutture energetiche, agli impianti di produzione e accumulo di energia elettrica.

Nel prossimo triennio dovremo trasformare complessivamente e in profondità il nostro Paese e per dare senso all’ambizioso programma di rigenerazione che il Governo, tramite il decreto semplificazioni bis, vuole portare a compimento, serviranno tecnici qualificati e chiamati a svolgere tutte quelle attività in cui dovranno concretizzarsi gli investimenti del Pnrr. Le sfide sono numerose e impegnative, ma possono rappresentare una grande opportunità per chi è già iscritto all’albo dei Periti Industriali ma anche per i giovani diplomati che attraverso l’iscrizione potranno presidiare molte aree strategiche che il Piano intende incentivare.

 

Una manovra conservativa

Una manovra conservativa

La manovra Il varo della prima Legge di Bilancio, per ogni nuovo governo, rappresenta un momento di enorme importanza. Il consenso e la fiducia di cui gode, di solito, un esecutivo appena insediato, e la maggioranza parlamentare che compensa le naturali divergenze,...

Sul superbonus il Governo ci ascolti

Sul superbonus il Governo ci ascolti

Sul Superbonus il Governo si confronti con chi lavora per farlo funzionare: i professionisti In attesa che il Governo prenda una decisione sul destino del Superbonus, molti operatori finanziari, banche comprese, hanno sospeso l’accesso alle diverse piattaforme per...

Detrazione fiscali in edilizia: online il poster ENEA 2023

Il documento racchiude in una speciale tabella tutti le coordinate di Superbonus, Eco e Sismabonus, Bonus Verde, Bonus Ristrutturazioni Dopo le definitive pubblicazioni in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2023 (legge 197/2022) e della legge Aiuti-Quater...

Digitale e Pnrr, Italia ai primi posti per obiettivi raggiunti

Al nostro paese la quota maggiore dei fondi europei per la digitalizzazione (48 miliardi) Dal Pnrr una grande opportunità per la digitalizzazione in Italia, che per ora risulta colta in maniera efficace dalla penisola. Siamo, infatti, il paese più avanti nella...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest