Dal 2035 addio a nuove auto a combustione interna

da | 28 Dic 2021 | Ambiente, cave e miniere

Addio quindi a vetture alimentate a benzina o a gasolio e via alle alimentazioni cosiddette alternative

In occasione della quarta riunione dei Cite, il Comitato interministeriale per la Transizione ecologica, i ministri della Transizione ecologica Roberto Cingolani, delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini e dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, hanno definito le tempistiche di sostituzione dei veicoli con motore a combustione interna.

La decisione riprende le direttive comunitarie e quanto deciso da diversi paesi europei: dal 2035, le auto a combustione interna non potranno più essere immatricolate. Per i furgoni e i veicoli da trasporto commerciale leggeri la scadenza slitta al 2040.

Mancano 13 anni, quindi, a questo appuntamento che prevede un percorso a ostacoli per decarbonizzare il settori dei trasporti. Una nota del ministero delle Infrastrutture recita che bisogna valorizzare “non solo i veicoli elettrici ma anche le potenzialità dell’idrogeno, nonché riconoscendo – per la transizione – il ruolo imprescindibile dei biocarburanti, in cui l’Italia sta costruendo una filiera domestica all’avanguardia”.

Pubblicità
Honeywell CLSS

Per quanto riguarda i costruttori di nicchia, misure specifiche potranno essere eventualmente valutate con la Commissione europea all’interno delle regole comunitarie.

La Commissione europea ha indicato la strada per rendere la UE un’area ad impatto climatico zero. E tale strada dovrà essere percorsa anche dal settore aeronautico e navale (merci e passeggeri), se pur con modalità tempi e costi diversi.

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest