Crisi ucraina, verso l’«embargo» Ue nei confronti del petrolio russo. E l’Italia è in fase di «incertezza economica»

da | 30 Mag 2022 | Primo piano

Sul tavolo dei capi di Stato e di governo dell’Unione europea arriverà in giornata il testo che dovrà sancire l’accordo sull’embargo al petrolio russo, nel quadro della crisi fra il Cremlino e l’Ucraina. A darne conferma, stamani, l’Alto rappresentante Ue per la politica estera Josep Borrel, parlando delle trattative (da ore in corso) per decidere restrizioni alle importazioni di greggio dal Paese dell’Est, nel quadro del sesto pacchetto di sanzioni alla Russia dall’avvio del conflitto, a febbraio. Una precisazione d’obbligo l’ha fatta, però, ai cronisti l’esponente di Bruxelles, sostenendo che «la parola embargo non è esatta», si vuole «fermare l’acquisto del petrolio russo da parte dei paesi europei». E, ha proseguito, poiché «bisogna decidere all’unanimità, ci sono trattative», ha precisato con riferimento al «nodo» dell’Ungheria, non favorevole finora a questo tipo di scenario.

Il riferimento all’embargo, a quanto si è appreso in mattinata da diverse fonti diplomatiche europee, è entrato già nella bozza di conclusioni che sarà nel pomeriggio al vaglio del vertice straordinario Ue, e sarebbe stato raggiunto un compromesso su uno schema sanzionatorio «abbastanza strutturato». Lo schema, si è saputo, prevede un embargo al petrolio in due fasi, la prima su quello proveniente via mare e la seconda, che sarà attuata solamente in un secondo tempo, per il greggio proveniente dagli oleodotti; il sesto pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia sarà comunque finalizzato formalmente dopo il vertice europeo di oggi e domani, presumibilmente in una nuova riunione dei Rappresentanti Permanenti dei 27 Stati membri dell’organismo di Bruxelles. Nel «pacchetto», intanto, si sa che sono state confermate anche le misure restrittive nei confronti di ulteriori personalità russe e l’esclusione dal sistema Swift di altri istituti finanziari di Mosca che, finora, non erano stati toccati dalle sanzioni.

Nel frattempo, oggi, ad inizio settimana, è risultato in lieve rialzo il prezzo «spot» del gas in Europa nel 96/o giorno di guerra in Ucraina, guardando ai future ad Amsterdam (+0,8%) a 87,6 euro al MWh, rispetto agli 86,8 euro di venerdì. La stagione che stiamo vivendo, guardando alla condizione del nostro Paese, poi, ha fatto dire in mattinata al ministro dell’Economia Daniele Franco, intervenendo ad un convegno della Consob, che siamo di fronte ad una «nuova fase di grande incertezza». «Negli ultimi due anni – sono state le parole pronunciate dal titolare del dicastero di via XX settembre – ci stiamo misurando con «shock» di ampiezza inusuale», come la pandemia, nonché con un aumento dei prezzi dell’energia ed una nuova guerra in Europa. Osserviamo un rallentamento dell’attività economica», dunque nella nostra Penisola, ha tenuto a sottolineare, in conclusione, Franco, «il quadro economico si è deteriorato bruscamente».

Pubblicità
Notifier Centrali AM

 

Un Def senza spese pazze

Un Def senza spese pazze

Giorgetti alla Camera: Cdm il 9 aprile, possibile procedura di infrazione No a residui di spesa, serve una maggiore programmazione delle spese pubbliche. La fine delle deroghe sul patto di stabilità porterà la Commissione Ue ad aprire una serie di procedure di...

Lotta europea alla criminalità ambientale

Lotta europea alla criminalità ambientale

Ok alla direttiva che inasprisce le sanzioni e amplia l’elenco dei reati L’Unione europea dichiara guerra alla criminalità ambientale. Il Consiglio Ue, infatti, ha adottato formalmente una direttiva sulla “tutela penale dell’ambiente” finalizzata a “migliorare le...

Italia ancora regina europea del settore design

Belpaese leader per numero di addetti e per fatturato L’Italia si conferma la regina europea del settore del design. Se, infatti, a livello comunitario si contano 270 mila imprese, 330 mila addetti e un fatturato di 28, 6 miliardi di euro, l ‘Italia contribuisce per...

Filiera formativa tecnologico-professionale in arrivo

Alla Camera il ddl per la revisione del sistema e l’introduzione del modello 4+2. La nuova filiera formativa tecnologico-professionale vede il traguardo Dopo l’ok del Senato al disegno di legge che ha come primo promotore il ministro dell’istruzione Giuseppe...

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere aggiornamenti da Opificiumagazine.it

Grazie! Ti sei iscritto alla newsletter.

Pin It on Pinterest